giovedì 18 ottobre 2007

Mastella o Minosse?


Abbiamo potuto notare come la carica di Ministro della Giustizia concede a Mastella il diritto di essere in molti casi il giudice ultimo, colui che ha l’ultima parola sui fatti.

1) Per quanto riguarda l’indulto la sua è stata la firma decisiva.

2) Nel caso De Magistris-Lombardi ha autorizzato la richiesta di trasferimento per i due magistrati.

3) Nella vicenda Storace ha concesso l’autorizzazione a procededere.

Insomma, quest’uomo può disporre a suo piacimento della vita delle persone. Ora, fosse un uomo di profonda onestà morale ad avere tali prerogative ciò non susciterebbe tanto sdegno ma essendoci clEMENTE a capo del Ministero della Giustizia si spera che le competenze relative a questa carica vengano modificate al più presto. Quantomeno le persone giudicate da Minosse nell'Inferno dantesco erano già morte...

P.S. Si sa che Mastella è un maestro nell’arte di crearsi dei nemici. Solo ieri ha visto respingersi la solidarietà espressa nei confronti del Gip di Milano Forleo a seguito dell’intimidazione subita dal magistrato da parte delle Br ed è stato attaccato da Storace per aver concesso l’autorizzazione a procedere contro di lui.

P.S.S. Dopo le educate dichiarazioni di qualche tempo fa a New York ( ai contestatori: “Pensavo foste 50.000 invece siete cinque stronzi!”; ad un giornalista: “il viaggio me lo sono pagato per i cazzi miei” ) ecco che clEMENTE dimostra ancora una volta di aver studiato ad Oxford. Ieri, infatti, alla trasmissione “Temporale” di Canale Italia dichiara: “Sono sottoposto a linciaggio mediatico ma gli esponenti del Centrosinistra se ne sono strafottuti”.

64 commenti:

Anonimo ha detto...

Ragazzi siete fantastici..pure la tavola del Dore' avete trovato...
Grandi!!!!!!
Perche' il mio adoratissimo fratello non prende esempio!!!!!
Cecilia

Anonimo ha detto...

Minosse o Mastella = Minostella

andrea ha detto...

chiudi gli occhi....e immagina mastella in mutande.....ecco...ora puoi vomitare.

Caterpillar ha detto...

Ignorantia docet. Che devo aggiungere? Le nostre vite nelle mani di 500 stronzi che siedono al Parlamento. NOn eletti direttamente da noi (io voto in Italia anche se non ci abito) ma pagati dagli italiani (io le tasse le pago in Inghilterra). Forse e' inutile anche fare blog di denuncia o trasmissioni tipo Le Iene che mostrano quanto ignoranti siano i nostri politici. Abbiamo vallette, travoni, presentatrici, drogati, puttanieri e troie, che pensano di giocare con le vite degli altri e non sanno dov'e' Guantanamo o cosa sia la Consob. All'estero ci prendono tutti in giro per la scarsa qualita' dei nostri politici e nonostante molti siano professori universitari non sanno nemmeno dove stia di casa l'inglese. Oh madonna dei peccatori fai crepare tutti i senatori
E a tutti gli angeli beati
prendetevi cura dei deputati!! (che strofe, sono poetico oggi).

Perche' non andiamo tutti in vacanza a Guantanamo in AFFAGHISTAN?? Chi sa dirmi chi era il parlamentare che intervistato dalle Iene non sapeva dove fosse Guantanamo?
ciao

Anonimo ha detto...

sicuramente mastella !

Riccardo ha detto...

X caterpillar

il parlamentare che diceva AFFAGHISTAN era Leonardo Martinello dell'Unione Dei Carcerati

mms://video.jumpy.it/adiene/2007/07/
nobile_politicignorantiquotidiani_agg.wmv?v=
adiene/2007/07/nobile_politicignorantiquotidiani_agg.wmv

Anonimo ha detto...

non sento l'avvocato del diavolo;
sei occupato a lucidare le chiappe a mastella?
attento che ti prendi la mastite;
mastite ....che derivi da.. mastella... mastellite ... mastite!
jo-jo

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

1) � Ministro della Giustizia e fa quello che la legge gli concede

2) ancora dovete imparare a tarare le parole quali "onest� morale"
Vi ricordo che il Sig. Guardasigilli non � stato mai condannato (indagato una volta ed assolto)

caterpillar ha detto...

grazie riccardo

ma non sapevo che esistesse il partito "Unione dei carcerati", tra un po' ci sara' "l'Unione dei detenuti" o "l'Unione degli indagati e dei condannati"(o forse quella gia' esiste)!!! Comunque nella maggior parte delle repubbliche occidentali i politici se sono solo indagati sono costretti a dimettersi, in Italia vengono eletti se sono indagati o condannati (vedi loggisti, ladri, brigatisti, evasori etc.). Clinton dovette dimettersi per un .......blowjob!

Per Avvocato del Diavolo: a me non interessa chi tu sia o che lavoro tu faccia (se fai un bel mestiere meglio per te), ma il solo fatto di essere indagati (e poi assolti come tu dici) non dovrebbe essere una grave limitazione che non puo' certo giovare alla carica ed alla reputazione di un Guardasigilli?
Secondo te, che difendi, Mastella non sarebbe stato piu' opportuno mettere il Ceppalonico ad un altro ministero se proprio il governo non poteva fare a meno del suo 2%? Pari opportunita', Famiglia, Agricoltura etc. ci sono una infinita' di ministeri in cui i ministri sono meno "esposti".

Anonimo ha detto...

Ho scritto un post al blog di mastella ma non mi pubblica perche sono ANONIMO....lo pubblico qua :

si gentile ministro della giustizia ma perche mai un politico NON dovrebbe essere INTERCETTATO mentre è prassi per un comune cittadino esserlo???
magari vengono arrestate persone per droga e invece NON vengono arrestati i ministri della repubblica per TANGENTI E CONCUSSIONI???
a mio avviso è molto piu pericoloso per la nazione un ministro CORROTTO e AMICO DI MAFIOSI(o testimone di nozze che dir si voglia come lei è da notizie apparse sui quotidiani) che un tossicodipendente e chi lo rifornisce...
la reatà è che lei son 40anni che ci prende in giro,e lo sà,e continua a farlo,per il sol fatto che gli italiani son popolo servile e servo.
Arrivederci signor ministro,spero tanto che alle prossime elezioni anche lei cada nel dimenticatoio della storia e si trovi un lavoretto onesto e faticoso,da 1000 euro al mese come la maggior parte di noi italiani ONESTI.

Andrea C. ha detto...

avvocato del diavolo, pensi veramente di parlare con degli idioti ... !!
sappiamo benissimo come é andata l' idagine in quella fammosissima estate del 2006, li ha portati fuori tutti, grazie a questo, il risultato era scontato.
difendi un personaggio poco utile all' italia.
come ho scritto più volte, non posso odiarlo perchè non l' ho mai amato, però, mi ha rotto pesantemente i coglioni.
egr. sig. patella, deve andare urgentemente fuori dalle palle!!!

N.P. ha detto...

Per avvocato del diavolo:

1) Non ho scritto che Mastella commetta interferenze. Ciò che fa è legittimo. Ho espresso dei dubbi su colui che esercita tale carica.

2) L'onesta morale di una persona non si valuta solo in base alle condanne giudiziare. Che mi dici delle persone condannate ingiustamente? E dei delinquenti a piede libero?
Saluti

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

1)Ma siccome è stato voluto da una maggioranza (probabilmente non la Tua) che l'ha voluto, vuol dire che ha la maggioranza del Paese anche lui.
2)Certo.Ma lui non è stato nemmeno condannato a differenza di una parte del centrodestra (anche alcuni di essi calabresi come il Segr. dell'UDC Cesa)

N.P. ha detto...

Per avvocato del diavolo:

1) Prova a chiedere ad un elettore di centrosinistra se sia contento di clEMENTE alla giustizia. Vedi ch ti risponde.

2) La tua osservazione su questo punto non è pertinente.(come spesso accade)

Saluti

caterpillar ha detto...

occorre differenziare tra "maggioranza" dei votanti e "maggioranza di governo". Quelli che votano purtroppo non possono esprimere una preferenza con questa legge elettorale. Il capo del governo forma il suo "gabinetto" (in tutti i sensi) in cui vengono piazzati vari personaggi nei vari ministeri. Dato che la differenza tra destra e sinistra era ed e' minima, chi governa deve cedere ai ricatti di "partitucoli" che hanno sottosegretari come Mastella, Buttiglione etc. Questo vale per la destra quanto per la sinistra.
Quello che tutti ci chiediamo in Italia e' perche' e' stato messo Mastella come guardasigilli, dato che non e' competente essendo un ex-giornalista. Perche' non un ex-PM o un ex-Giudice? Mastella lo si metteva da un altra parte evitando a lui delle figuracce e a noi le sue esternazioni prive di significato. Fa solo la figura del tappabuchi, overpaid anyway. Comunque per il trasferimento dei magistrati e' il guardasigilli che puo' decidere a suo piacimento purtroppo, la legge Castelli deve essere cambiata senno' i politici "accomoderanno" sempre le indagini contro di loro.

Ma c'e' qualche strana rivalita' tra ceppaloni e la calabria?? Non capisco certe esternazioni dell'avvocato sui calabresi (politici e non)

quasi finito di lavorare, stasera cucino in un pub un bel brasato al barolo con polenta (solo per pochi intimi). Qualche volta dovro' chiedere consigli a MAx (il cuoco) x migliorare le mie capacita' culinarie.

cheers

Anonimo ha detto...

CASTELLI: ingegnere maccanico che fa il ministro della giustizia
MASTELLA: laureato in lettere e filosofia e fa il ministro della giustizia
IL PROSSIMO CHI SARA'??
Scegliete voi: Ferrara, Aldo Busi, Malgioglio,Mughini, Buttiglione, Mario er meccanico,Susy la lavandara...tutta gente coi CV idonei, o no??...

Ditemi il vostro preferito.

p.s: i personaggi dei Simpson non valgono

Mirko

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

1) mi sembra che il governo non metta in dubbio mastella.E da chi è stato votato il governo?

2)è pertinente.Come mai non fate un blog contro Cesa condannato e catanzarese?

Anonimo ha detto...

AVVOCATO DEL DIAVOLO
cosa fai ... cancelli i post nel tuo blog???
come mastella.. uguale...
AVVOCATO DEL DIAVOLO vai a leggere qui

max

Anonimo ha detto...

Ma perché non andate a scornarvi nella chat del sito e non ci lasciate in pace?

Anonimo ha detto...

Non ce che dire..il dibattit6o si infiamma...sono tentata anche io di chiedere lumi a max su come fare un souffle' decente...
Ma temo che poi andremmo sulla
m(p)astella...

oddio deve essere l orario che mi fa delirare....
stasera faccio zucchine ripiene per il mio amore....

Anonimo ha detto...

sono cecilia

Anonimo ha detto...

X CECILIA

Non scaldarti tanto per la foto che hanno messo. Non ci vuole un genio, hanno solo preso la prima foto che compare su google immagini digitando la parola Minosse.

Perciò evita di strapparti i capelli e datti un calmata.

Anonimo ha detto...

Ue cretino...e tu la sapevi scegliere la foto del Dore' sapendo che era Minosse...anzi lo sai chi era >Minosse?
Anzi lo sai se tra le gambe hai qualcosa?
Cec

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

anonimo dove abbiamo cancellato?
ho cancellato solo un commento di pubblicità in portoghese

Anonimo ha detto...

aiutooooooooooooo lo stato non esite +++++++++++++

Gionuein ha detto...

Ma basta con sto avvocato del diavolo, per scannarsi a vicenda esiste la chat apposta.

Volevo dire una cosa. Ieri sera su la7 a 8 e mezzo, il programma di Ferrara (il pallone gonfiato a scorregge) c'era una vecchia conoscenza del nostro clEMENTE, nientepocodimeno che il cootestimone alle nozze del mafioso Campanella nonchè presidente della regione Sicilia Totò Cuffaro.
Voi vi chiederete, cosa ci è andato a fare un personaggio indagato per concorso esterno in associazione mafiosa per cui è stata chiesta una condanna di 8 anni (condanna che ormai è vicina) in televisione? Ma a dire un po di palesi menzogne giusto per gettare un po di fango sui magistrati che lo indagano, ovvio. Menzogne del tipo: "E' normale per un politico avere 150 schede telefoniche diverse", "Non sapevo che le persone che frequentavo fossero mafiosi" e ancora "I magistrati di Palermo vogliono farmi fuori, è un complotto".
Piccola parentesi: curioso come i politici come Cuffaro anche se sono indagati possono andare in televisione, sui giornali, ovunque a dire tutte le cazzate che vogliono senza che nessuno si scomponga mentre se lo fanno dei magistrati come De Magistris e la Forleo vengono subito criminalizzati.
C'è però una frase in particolare del sig. Cuffaro che mi ha fatto veramente cadere le palle in un tombino. Ad un certo punto ha detto una cosa tipo: "Se verrò condannato mi dimetterò da presidente della regione", e giù applausi e attestati di stima da tutti i presenti nello studio. Ma come? Ma grazie tante, se vieni condannato a 8 anni di carcere come fai a continuare ad amministrare la regione? Con i pizzini dalla cella come Provenzano? E' ovvio che ti devi dimettere, anzi dovresti proprio essere cacciato a calci nel culo non dimetterti tu spontaneamente, ci mancherebbe che un mafioso continua indisturbato a governare la Sicilia. In un paese minimamente civile saresti già stato distrutto dai media e fatto fuori politicamente appena si fosse saputo che eri indagato per una cosa così grave come l'associazione mafiosa, altro che dopo la condanna.
Però siamo in Italia, e tutto è concesso (solo a loro però).

Anonimo ha detto...

Gionuein, ma basta! Sei un frustrato di merda! Scrivi su tutti i blog italiani da Storace a Grillo a Di Pietro e nessuno ti caca, preghi in ginocchio a questi deficienti di questo blog di pubblicarti le tue foto infantili che fai con photoshop per sentirti importante, dici che lavori e invece non fai un cazzo dalla mattina alla sera.
Dai, sei ridicolo! Non te ne accorgi proprio?

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

il centrodestra è pieno di condannati e ce la si prende con chi ha la fedina che odora di bucato come il Sig. Ministro

N.P. ha detto...

Per l'anonimo delle 18.37:

No, ma va. Che dici? Non lo sapevi che io sono la reincarnazione del Dorè?! Ho disegnato la tela, lo staff ha discettato sul significato metafisico dell'opera dopodichè l'abbiamo scannerizzata e pubblicata. ...Poveri noi...

Per l'anonimo delle 19.28 (probabilemnte lo stesso):

Gionuein ha differenza tua lascia commenti con un senso compiuto. E se nessuno fa caso ai suoi commenti è semplicemente per il fatto che è molto più semplice lasciare parole vuote come le tue piuttosto che concetti seri. Inoltre non è lui a pregare noi perchè le sue foto vengano pubblicate, ma siamo noi che chiediamo gentilmente la sua collaborazione.

Saluti a tutti (chi ci vuole bene, e chi ci vuole male)

Anonimo ha detto...

ha differenza si scrive con l'h? Non lo sapevo, complimentoni!

Marco ha detto...

In altri paesi c'è il guardasigilli. Noi abbiamo il magnasigilli.

N.P. ha detto...


Questo è tutto ciò che sai replicare... CHOGLIONE!

Gionuein ha detto...

Ha Ha Ha, ma che simpatico questo anonimo. A parte il fatto che dai toni che usa per insultare uno che non conosce neanche sembrerebbe che quello frustrato tra me e lui non sia di certo io, io sono tranquillissimo.
E poi che cazzate dici? Nel blog di Grillo e Di Pietro io non ho mai commentato. Nel blog di Storace ci sono andato una volta, ma solo per rompere un po i coglioni a quella congrega di neofascisti che scrive in quel blog. Ma forse tu sei uno di questi, se è così mi dispiace di averti toccato il tuo duce, non lo faccio più. Scrivi "dici che lavori e invece non fai un cazzo dalla mattina alla sera" ma chi ti ha mai detto niente a te, chi ti conosce!!
E poi i miei fotomontaggi sono bellissimi, mandami via mail la foto della tua faccia che te ne faccio uno ad hoc in 5 minuti.

Ciao n.p. lascialo perdere sto imbecille

Gionuein ha detto...

Comunque se ti interessa saperlo io studio e anche lavoro (a chiamata).
E in internet di sicuro perdo molto meno tempo di te, smanettone del cazzo.

Anonimo ha detto...

Bruno Piccolo il pentito di 'ndrangheta, il picciotto che picciotto non era, morto suicida lunedì scorso, viveva a Francavilla al Mare, in Abruzzo. Era la località scelta dal servizio di protezione dove far trascorrere al pentito numero uno del processo Fortugno la sua seconda vita. A Francavilla al Mare, Bruno si era integrato nuovamente, aveva cominciato a vivere e a scherzare, la scorsa estate aveva anche ripreso a lavorare, secondo quanto si è potuto ricostruire in ambienti investigativi.

Bruno Piccolo si era fatto assumere al Bar Kiwi sul lungomare della ridente cittadina abruzzese. Ma in Abruzzo per tutti era Bruno Dandolo, nome di copertura che il servizio centrale gli aveva assegnato. Cosi era stato assunto da Sergio, il titolare del bar davanti il quale Bruno una quindicina di giorni fa aveva bruciato, per amore di una donna, un mazzo di fiori. Bruno aveva tentato di rifarsi una vita, aveva incontrato nuovi amici, aveva in pratica ripreso a sperare in una vita normale. Poi la svolta: lo scorso mese di agosto, quasi sul finire, al bar si presenta un ispettore del lavoro per una verifica.

All'interno dell'esercizio commerciale c'è solo Bruno Dandolo, che esibisce documenti all'ispettore che registra subito il tutto su un verbale. La storia sembra finire lì, ma intorno alla fine di settembre, il titolare del bar, Sergio, si ricorda di questa visita e tramite il suo commercialista chiede di verificare all'ispettorato del lavoro di Chieti come è andata a finire la verifica. La risposta, che arriva intorno al 10 ottobre, lascia di stucco tutti quanti: «Non esiste nessun Bruno Dandolo, da voi lavora il signor Bruno Piccolo». La notizia raggela tutti, titolare compreso che senza pensarci due volte licenzia in tronco Buno Piccolo, alias Dandolo, cacciandolo in malo modo dal locale.

A questo punto - a quanto si apprende - il collaboratore di giustizia sarebbe rimasto senza i soldi necessari per pagare della bolletta della luce, vedensosi quindi tagliare l'erogazione dell'energia elettrica. Bruno Piccolo è stato quindi costretto a rimanere al buio per diversi giorni, come accertato anche dalla Polizia al momento della scoperta del cadavere.

CAGLI-TRICOLORE ha detto...

Cossiga in una dichiarazione - proclamo: quanto è bello Giorgio Napolitano! Quanto è buono Giorgio Napolitano! Quanto è intelligente Giorgio Napolitano! Quanto è simpatico Giorgio Napolitano! Quanto è asino Clemente Mastella!”.

Anonimo ha detto...

avvocato vattelo a prendere in quel sito

PRODIROMANO ha detto...

AVVOCATO...
X TE


AVVOCATO DEL DIAVOLO vai a leggere qui una canzoncina con il cuore

Anonimo ha detto...

"A parte l'ovvia solidarietà nei confronti dei due magistrati, mi sento in dovere di ricordare al ministro Mastella di avere, con le sue iniziative, provocato l'isolamento di De Magistris in un momento particolarmente critico per le indagini in corso e di averlo quindi additato, come la storia passata gli dovrebbe insegnare, alla vendetta della criminaltà ". Lo afferma il fratello di Paolo Borsellino, Salvatore, commentando la notizia sui proiettili recapitati a Luigi De Magistris e Clementina Forleo. "E pur vero - aggiunge - che l'improbabile disegno con la stella a cinque punte allegato ai proiettili fa pensare, più che alle Brigate Rosse, a qualcosa di molto più temibile, comunemente noto col nome di Servizi. Ma anche in questo caso la storia ci dovrebbe insegnare che questi ultimi approfittano sempre di particolari momenti per commettere stragi e omicidi che poi vengono regolarmente attribuiti ad altri". (ANSA)

Anonimo ha detto...

Inelegante, da una donna non mi sarei aspettato una risposta così sgarbata". Lo ha detto il ministro della Giustizia Clemente Mastella a Pierluigi Diaco, conduttore del programma "Temporale", in onda ieri sera su Canale Italia, a proposito della gip Clementina Forleo, che ha rispedito al mittente la solidarietà "di taluni soggetti indirettamente responsabili" del suo isolamento. Il guardasigilli, è detto in una nota, ha sottolineato: "La mia solidarietà alla Forleo e a De Magistris, è sincera. Il suo non è stato un gesto di galateo. Eviterò di mandare un telegramma la prossima volta. Spero che non le inviino altri proiettili. Ma non voglio alimentare polemiche".

Anonimo ha detto...

"E' stato un grave errore, della politica soprattutto, che ha voluto criminalizzare i magistrati. I magistrati fanno il loro dovere e dovrebbero essere lasciati in pace". Lo ha detto il ministro Antonio Di Pietro, rispondendo a domande dei giornalisti a Lecce, a proposito degli episodi intimidatori nei confronti del gip di Milano Clementina Forleo e del pm di Catanzaro Luigi De Magistris. Il ministro stasera è a Lecce per un incontro sul Codice dei contratti pubblici. "La tensione sociale - ha detto Di Pietro - è alta ed è dovuta al fatto che di fronte all'aumento delle sensazioni di insicurezza che i cittadini hanno di fronte alla criminalità emergente e alla non funzionalità della giustizia, si è creata una spaccatura nel Paese". Mettere i magistrati "all'indice ogni giorno - ha continuato al riguardo - è come mettere all'indice il comportamento del medico che scopre il tumore. La conseguenza è che c'é un rigurgito di attenzione malevola verso i magistrati e il loro operato e di intimidazione nei loro confronti. Questo comporta non solo un ritorno della criminalità organizzata che alza la testa, ma anche l'avventurarsi di qualche pazzoide che per poter fare emulazione può, anche senza la necessità di avere dietro una struttura criminale, mandare intimidazioni tanto per sguazzare nel torbido". "Noi - ha concluso - siamo stati da sempre vicini alla magistratura e non soltanto quando ci è convenuto per combattere l'altra parte politica come troppo spesso vedo fare a destra e a sinistra".(ANSA)

Anonimo ha detto...

Ferma condanna" per l'intimidazione subita dal pm di Catanzaro Luigi De Magistris e' stata espressa dalla Giunta regionale della Calabria. L'esecutivo, si legge in una nota dell'ufficio stampa della Regione, "nel confermare grande rispetto per la magistratura, ha ribadito lo sdegno per simili atti che tendono a turbare la serenita' e l'incolumita' dei rappresentanti delle istituzioni". Un plico contenente un proiettile calibro 38 ed un foglio con la stella a cinque punte delle Br recante minacce di morte era stato recapitato, nella serata di martedi', al sostituto procuratore catanzarese.


Questo è vero paradosso.
IL governo calabrese indagato da De Magistris che offre solidarietà al magistrato.
Ma in che Italia viviamo?

ssasasas ha detto...

Dicono che la categoria dei vigili urbani sia soggetta ad un alto tasso di suicidi dovuti, anche, all'astio dal quale son circondati a causa del tipo di lavoro che svolgono.
Concentriamoci sul parlamento....

Anonimo ha detto...

concentratevi invece a mandare a casa questo maledetto governo italiano.

PRODIROMANO ha detto...

L'HO MANDATA ANCHE A MASTELLINO.... MA NON LA PUBBLICA....

UNA CANZONE DEDICATA AL GOVERNO... CLICCA QUI


Italia allo sfacello, operai che non arrivano a fine mese, sindacati che non difendono i suoi tesserati, un governo di sinistra che non ha nessuna pietà per chi li ha votati.

Una vergogna.

FACCIAMO 2 CONTI....
Un operaio prende 1.200 euro al mese (se è fortunato)...
1.200 - Stipendio
400 - affitto (stiamo bassi)
90 - luce/gas ( 180 a bimestre)
150 - spese condominiali ( Pari a 1.800all'anno e siamo bassi)
400 - spese per alimentarsi ( 100 euro a settimana... impossibile lo so)
100 - assicurazione auto (1.200 all'anno)
_______
1.140 Totale

Eddai.... rimangono ancora 60 eurozzi...
Può fare un figlio, sposarsi, fumare, andare al cinema, al ristorante, una girata al lago, mangiar pizza tutti i giorni, comprarsi una casa, andare in discoteca .....

Ma siamo veramente tutti IMPAZZITI...............
Sento persone che ancora difendono questa politica,
che sia di dx o di sx poco cambia....
siamo nella MERDA.

Che futuro hanno i nostri figli, che futuro vogliamo dare ai nostri bambini, c'è gente al governo che vuole costruirci un futuro..... ma cazzo..... hanno 70 anni...
ma che futuro vogliono costruirci?

Svegliatevi ITALIANI,
continuo sentire la gente che dice "HA RAGIONE GRILLO", ma...l'avete capita O NO che Grillo ha solo amplificato quello che diceva la gente per strada?
Lui con le sue battute, ha sempre e solo detto quel che la gente dice tutti i giorni,
HA MESSO UN AMPLIFICATORE ALLA VOCE DEL POPOLO.

Sono aumentati TUTTI i generi alimentari, quelli di normale sopravvivenza, latte, zucchero, pane, pasta....I MUTUI....
la gente non arriva a fine mese, è impossibile vivere cosi.

Come fa un operaio comprare una casetta.
Prima dell'euro magari, ora è impossibile.
1000 lire = 1 euro, questa è la realtà.
Prima dell'euro mangiare una pizza margherita costava 5 mila lire, ora 5 euro
Una Birra media in un locale nel 2001 costava 6 mila lire, non 4/5 euro come adesso,
1 kg. di pane costava 4 mila lire, ora 4 euro!!!!!

Non cambierà mai nulla in Italia se continua cosi, NULLA...
Operai che continuano a morire per portare a casa la pagnotta e mantenere questa specie di politicanti.
Nostri soldati che muoiono in nome della PACE, e.... se si salvano dalle pallottole poi faranno i conti con i tumori provocati dall'uranio impoverito, vorrei ricordare che TANTE persone fanno il militare perchè non hanno un lavoro e per mantenersi vanno ANCHE in paesi sconosciuti ad aiutare.
MA CHE VITA E' !!!!!!!!!!!!

E poi, non era mica nelle 284 pagine dell'ulivo togliere i soldati da quelle zone?
se non ricordo male gridavano 10/100/1000 Nassiria e spaccavano tutto...
Andate tutti AFFANCULO...

Se era al governo Berlusconi non ci sarebbe stato giorno senza uno sciopero...
Ora tutti zitti a 90 gradi.
Pietà.........

Avete votato questo governo????
Tenetevelo per 5 anni senza lamentarvi,
vediamo poi, alla fine dei 5 anni come saremo conciati.


Una grande tristezza ho nel cuore, specialmente per il futuro dei nostri bimbi.

GRAZIE, GRAZIE A TUTTI VOI POLITICI E ....
A QUELLA META' DI ITALIA CHE VI HA DATO FIDUCIA.

Anonimo ha detto...

VENERDI' 19 OTTOBRE 2007 ALLE ORE 22,30

L'ON. ANGELA NAPOLI
OSPITE DELLA TRASMISSIONE "PERFIDIA"

IN DIRETTA SU CLICCA QUI PER GUARDARE (vedi Blog Angela Napoli)
(è necessario SCARICARE la versione 7.1.3 di Quicktime)

Anonimo ha detto...

mastella è un ministro della giustizia degno di questo governo di merda!!....non ci vedo nessuna anomalia. spero solo che qualche incazzato carismatico(e ce ne sono) ci guidi presto verso Roma per fare piazza pulita di queste merde di uomini.

Anonimo ha detto...

Dal sito repubblica.it:

ROMA - Consiglio dei ministri del 12 ottobre: il governo approva e manda all'esame del Parlamento il testo che vuole cambiare le regole del gioco del mondo editoriale, per i giornali e anche per Internet. E' un disegno di legge complesso, 20 pagine, 35 articoli, che adesso comincia a seminare il panico in Rete. Chi ha un piccolo sito, perfino chi ha un blog personale vede all'orizzonte obblighi di registrazione, burocrazia, spese impreviste. Soprattutto teme sanzioni penali più forti in caso di diffamazione.

Articolo 6 del disegno di legge. C'è scritto che deve iscriversi al ROC, in uno speciale registro custodito dall'Autorità per le Comunicazioni, chiunque faccia "attività editoriale". L'Autorità non pretende soldi per l'iscrizione, ma l'operazione è faticosa e qualcuno tra i certificati necessari richiede il pagamento del bollo. Attività editoriale - continua il disegno di legge - significa inventare e distribuire un "prodotto editoriale" anche senza guadagnarci. E prodotto editoriale è tutto: è l'informazione, ma è anche qualcosa che "forma" o "intrattiene" il destinatario (articolo 2). I mezzi di diffusione di questo prodotto sono sullo stesso piano, Web incluso.
Scritte così, le nuove regole sembrano investire l'intero pianeta Internet, anche i siti più piccoli e soprattutto i blog. E' così, dunque? Ricardo Franco Levi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e padre della riforma, sdrammatizza: "Lo spirito del nostro progetto non è certo questo. Non abbiamo interesse a toccare i siti amatoriali o i blog personali, non sarebbe praticabile".

Un esempio concreto, però: il blog di Beppe Grillo verrà toccato dalle nuove norme? Anche Grillo dovrà finire nel registro ROC? "Non spetta al governo stabilirlo - continua Levi - Sarà l'Autorità per le Comunicazioni a indicare, con un suo regolamento, quali soggetti e quali imprese siano tenute davvero alla registrazione. E il regolamento arriverà solo dopo che la legge sarà stata discussa e approvata dalle Camere".

Insomma: se una stretta ci sarà, questa si materializzerà solo tra molti mesi, dopo il passaggio parlamentare e dopo il varo del regolamento dell'Autorità. Ma nell'attesa vale la pena di preoccuparsi. Perché l'iscrizione al ROC - almeno nella formulazione attuale - non implica solo carte da bollo e burocrazia. Rischia soprattutto di aumentare le responsabilità penali per chi ha un sito.

Spiega Sabrina Peron, avvocato e autrice del libro "La diffamazione tramite mass-media" (Cedam Editore): "La vecchia legge sulle provvidenze all'editoria, quella del 2001, non estendeva ai siti Internet l'articolo 13 della Legge sulla Stampa. Detto in parole elementari, la diffamazione realizzata attraverso il sito era considerata semplice. Dunque le norme penali la punivano in modo più lieve. Questo nuovo disegno di legge, invece, classifica la diffamazione in Internet come aggravata. Diventa a pieno una forma di diffamazione, diciamo così, a mezzo stampa".

Anche Internet, quindi, entrerebbe a pieno titolo nell'orbita delle norme penali sulla stampa. Ne può conseguire che ogni sito, se tenuto all'iscrizione al ROC, debba anche dotarsi di una società editrice e di un giornalista nel ruolo di direttore responsabile. Ed entrambi, editore e direttore del sito, risponderebbero del reato di omesso controllo su contenuti diffamatori. Questo, ai sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale.

(19 ottobre 2007)

VAI MASTÉ, DAVVERO STIAMO ARRIVANDO AI LIVELLI CINESI!!

RAGAZZI ERO VENUTO IN GERMANIA X FARE ESPERIENZA, MA MI SA CHE CI RESTERÓ ANCORA UN PAIO DI DECENNI, ANZI QUASI QUASI CAMBIO NAZIONALITÁ, ALMENO DOVRÓ SOFFRIRE SOLO PER LE PARTITE DI CALCIO.

POVERA ITALIA, CHE PENA VEDERLA RIDOTTA COSÍ MALE!

Anonimo ha detto...

Dopo le educate dichiarazioni di qualche tempo fa a New York ( ai contestatori: “Pensavo foste 50.000 invece siete cinque stronzi!”; ad un giornalista: “il viaggio me lo sono pagato per i cazzi miei” ) ecco che clEMENTE dimostra ancora una volta di aver studiato ad Oxford.
mi chiede chi gli ha concesso le ferie, non le aveva gia fatte nel periodo estivo e il doppio dei normali dipendenti.
Un parlamentare, può andare in vacanza, quando vuole anche all'estero solo per mandare a quel paese a New York i suoi datori di lavoro.
ah ah ah che bel mestiere.
Vegogna Mastella.

Anonimo ha detto...

Why not: secondo "Libero" anche Mastella indagato; "no comment" della Procura di Catanzaro
venerdì 19 ottobre 2007
''Non intendo rilasciare alcuna dichiarazione per quanto riguarda il registro degli indagati''. Lo ha detto all'ANSA il procuratore vicario della Repubblica di Catanzaro, Salvatore Murone, in merito a quanto scritto dal quotidiano Libero secondo il quale il Ministro della Giustizia, Clemente Mastella, sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta Why Not. ''Il registro degli indagati - ha aggiunto Murone - e' segreto e tale deve restare''.(ANSA).

Anonimo ha detto...

Il gruppo francese conferma il disimpegno. Oggi pomeriggio assemblea dei dipendenti dell’ipermercato

Carrefour lascia Zumpano. Il secondo gruppo al mondo per importanza nel settore della distribuzione (preceduta solo da Wal Mart) abbandona Cosenza.Le notizie anticipate ieri sono ormai confermate. L’atmosfera al centro commerciale è quella di sempre, ma tra i dipendenti aleggia lo spettro dell’ incertezza. E’ prevista per questo pomeriggio alle cinque l’assemblea con le organizzazioni sindacali per discutere della delicata situazione. La multinazionale francese chiude tutti i suoi supermercati nel meridione d’Italia e pertanto sarà sacrificato anche il punto vendita di Zumpano. Il destino dei lavoratori è strettamente legato a quello che accadrà in questa fase di traghettamento. L’ipotesi più accreditata appare quella secondo la quale subentreranno nuovi gruppi. Indiscrezioni parlano della Coop, ma sono diversi i soggetti interessati agli ipermercati Carrefour. Bisognerà aspettare il trenta ottobre per capire cosa realmente succederà e se qualche altra società metterà il suo marchio al centro commerciale cosentino. E’ previsto per la fine del mese, infatti, l’incontro tra i dirigenti del gigante della distribuzione e le organizzazioni sindacali. Intanto tra i lavoratori è diffusa la preoccupazione che il cambiamento si trasformi in una brutta sorpresa...........


Questo governo e i suoi apparati non darà possibilità alcuna ad altri imprenditori.

La COOP è con te.....NO LA COOP è solo per se stessa ....LA COOP è il governo.

Anonimo ha detto...

Mi dispiace moltissimo per questa storia di Zumpano..anche nel sito di Grillo c' e' il video dei sardi che fa oiangere...

Pero' ragazzi questa orribile giornata fa intravedere un raggio di sole...avranno inquisito mastella o no?

Cec

Anonimo ha detto...

Il ministro di Giustizia Clemente Mastella sarebbe indagato dal pm Luigi De Magistris. La notizia è montata nel corso della nottata, non trovando ancora conferme ufficiali. Al momento non si conoscono i motivi per cui il pm di Catanzaro avrebbe iscritto nel registro degli indagati il ministro. C'è chi parla di un riferimento con la posizione di Saladino e alle intercettazioni telefoniche di cui molto s'è discusso nel caso De Magistris. Sull'uso delle intercettazioni e sulla quantità di esse, il pm di Catanzaro dovrebbe essere chiaro una volta per sempre. Lo scontro tra Mastella e De Magistris acuisce - qualora le indiscrezioni trovassero conferma negli atti - lo scontro tra politica e magistratura. Non va dimenticato che anche il presidente del Consiglio Romano Prodi è indagato da De Magistris. Pertanto una iscrizione nel registro degli indagati anche per Mastella potrebbe avere ripercussioni pesanti nella vita dell'esecutivo. O meglio, di un esecutivo composto da un ex pm, Tonino Di Pietro, per ora sempre solidale con i magistrati e mai con il Guardasigilli.

Anonimo ha detto...

Un operaio si è ucciso nelle Marche, a Tolentino, perché non ce la faceva a mantenere la famiglia. La moglie ha perso il posto già precario, proprio quando il figlio cominciava ad andare a scuola. Guardiamo quest'uomo mentre al mattino va a lavorare. Il mutuo per la casa lo soffoca.


On.Mastella ha letto questa notizia?
Lei si è permesso di dire che ha un mutuo come tutti gli italiani, ma ha dimenticato di dire quanti soldi incassa la sua
famiglia a fine mese. E allora si vergogni e si dimetta di fronte alle vere realtà italiane. Ma con quale faccia vi presentate a chiedere i voti io mi chiedo? Con la faccia di culo che avete tutti io mi rispondo!

VERGOGNA!

Felix

roberto ha detto...

qualcuno gli spieghi che qualche volta si può anche tacere...

dan ha detto...

bellissimo questo articolo :D

http://www.danielemartinelli.it/index.php/2007/09/18/clemente-mastella-imbecille-o-criminale/

Caterpillar ha detto...

Bravo Dan
bell'articolo quello di Martinelli. Comunque i politici italiani fanno cosi' schifo che non si vergognano del fatto che nascano blog o altre "iniziative editoriali" contro di loro. Cio' non hanno e non avranno mai e' la dignita' (in molti anche cultura, intelligenza, onesta' etc.), uno dei pochi valori in cui credo ma che a malincuore penso non serva a un caxxo in Italia e in molte societa' occidentali. Ma io sono un sognatore e sogno che alla fine d ogni legislatura i nostri politici vengano portati in giro per le piazze d'Italia per essere giudicati dai contribuenti. Credo assisteremmo ad un linciaggio!!!!!!!!

ciao Londra e' freddina oggi

Anonimo ha detto...

Con lo scioglimento della società Stretto di Messina e l'annullamento del contratto, "sono stati persi 400-500 milioni di euro. Abbiamo fatto una furbizia". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro, riferendo del voto di ieri sera in commissione Bilancio con il quale si è deciso l'annullamento del progetto del ponte sullo Stretto di Messina. "Di fatto abbiamo buttato via 500 milioni, abbiamo fatto come i talebani. Difficile ora ricominciare" ha detto Di Pietro spiegando che 150 milioni sono andati alla società Stretto di Messina per il progetto preliminare del ponte e la realizzazione di tre gare. "I vincitori di queste gare avranno stanotte brindato a champagne - ha detto ancora il ministro - visto che senza spostare un muratore né una cazzuola di cemento intascano un guadagno del 10 per cento per violazione contrattuale e senza pagarci nemmeno le tasse". Il costo di tale penale ammonta, sempre secondo il ministro, a 300 milioni in totale che vanno ad aggiungere ai 150 della società di gestione. "In Italia - ha concluso Di Pietro - funzionano meglio gli uffici legali che non quelli di progettazione". (ANSA)


Ma si può governare così?
Come fa Di Pietro a rilasciare queste dichiarazioni e non pensare alle dimissioni?

BRAVO GOVERNO TANTO I SOLDI NON SONO I TUOI MA I NOSTRI!!!!!!

Anonimo ha detto...

E che c'entra Di Pietro??
La Sociatà è stato sciolta perchè il progetto non si fa...non è mai stato fattibile...Bisogna prendersela col Berlusca e Amato.Quando questo Governo è salito al potere il contratto con la Impergilo era già stato firmato...
Ma ragazzi, non prendiamoci in giro: il ponte era irrealizzabile, in zona sismica e ci sarebbe costato circa 4 miliardi di euro.
Meglio ritirarsi e pagare la penale.
Tra l'altro sul ponte ci sono aperte due indagini della magistratura.
Una riguarda proprio la gara di appalto vinta dalla Impregilo che sarebbe stata "favorita" secondo il solito "italian style".
4 miliardi di euro per un ponte!!!
Ma stiamo scherzando!!
Pensiamo a sistemare le infrastrutture fatiscenti del sud, con quei soldi.

Mirko

marco ha detto...

Prodiromano delle 23:18 - le cose sono due: o tu hai non piu di 15/16 anni oppure hai 3 kb di memoria per cui non ti ricordi manco che hai mangiato ieri sera... hai fatto tutto uno sproloquio e una serie di conti e concludi le tue farneticazioni prendendotela con chi ha votato per questo governo... ma perche scusa, a te risulta che prima dell'aprile del 2006 gli italiani erano ricchi ? tutti i conti che hai fatto prima del 2006 erano forse diversi ? guarda che i problemi economici per gli italiani sono cominciati nel 2001, dopo l'entrata dell'euro e dopo che il governo dell'epoca (la CDL) non applico nessuno controllo sul raddoppio dei prezzi che c'e' stato. Io e' dal 2002 che faccio fatica ad arrivare a fine mese ma tu probabilemente de ste cose non sai niente forse perche vivi con mamma e papa e guardi la tv di studio aperto e umilio fido.. da come parli tu sembra che prima del 2006 stavamo tutti bene... ma che stai a di ????? ma dove vivi ??????????
p.s. e affanculo ce vai te e tutta la palazzina tua...

Anonimo ha detto...

le parole non bastano più.

PRODIROMANO ha detto...

Marco, non vivo in una palazzina, ho un figlio di 20 anni e tu sei il solito pirla di turno.

Leggi quel che ho scritto idiota, non solo quello che vuoi tu.
L'Italia va a male x gente sinistroide come te, che nn capisce un c..o.

Anonimo ha detto...

La vera zona sismica si trova a Roma,perchè questo governo traballa da quando è nato e da un momento all'altro può crollare. Caro mirko,è facile dare le colpe ai governi passati,ma quello che sta facendo questo è corretto? Pensa l'ultima trovata, quella di fare una legge per chi vuole aprire un blog. Il bavaglio della libertà del pensiero e del dialogo e allora cosa mi dici?

Ettore

Anonimo ha detto...

A huge dick in my pussy,a new warm wet tounge up my personal arse and cum along with pussy juice all over me.
Fuck, ozzy

Feel free to surf to my web-site - hcg injections