mercoledì 10 ottobre 2007

Aldo Moro si rivolta nella tomba

ANSA - "Non ci lasceremo processare sulle piazze": ha detto oggi a New York Mastella, prima dell'inizio della parata del Columbus Day. Il ministro della Giustizia conferma quanto detto ieri sui rischi terrorismo e il ritorno a un clima di 30 anni fa. E fa riferimento al discorso di Aldo Moro alla Camera il 18 novembre 1977 (con la celebre frase sullo scandalo Lockheed, ndb): "Moro disse cosi' e io ripeto, non ci lasceremo processare sulle piazze mediatiche o su qualsiasi piazza. Se uno vuole cambiamenti, ci sono le elezioni". E aggiunge: "Come sociologo della vita sociale e politica rivedo il clima del discorso di Moro alla Camera del '77".

Precisazione. E' strano vedersi costretti a correggere una notizia apparsa su tutta la stampa nazionale (ANSA, Il Giornale - che ora ha corretto - , il Corriere e Repubblica), ma purtroppo è così. Infatti Aldo Moro ha pronunciato quel famoso discorso non nel Novembre '77, ma nel Marzo di quello stesso anno, in seguito al rinvio a giudizio del democristiano Luigi Gui per lo scandalo Lockheed, che avvenne il 10 Marzo 1977. Il 18 Novembre Moro parlò a Benevento (e non alla Camera), come ci conferma D'Alema nel suo discorso di insediamento del 1998.

Il Commento. Fino ad ora il nostro clEMENTE ha fatto ricorso agli espedienti più vari per non rispondere delle sue colpe: ha inventato scuse strampalate ("mi ha dato un passaggio Rutelli"), scaricato le proprie responsabilità su terzi, utilizzato il metodo della censura, fatto ricorso a vie legali…ecc. Ma citando Aldo Moro per descrivere l’attuale situazione socio-politica ha sconfinato addirittura nel revisionismo storico. Evidentemente il ministro non ha la minima idea di che cosa furono e che cosa rappresentano gli "anni di piombo", nonostante li abbia vissuti. Se ce l’avesse non troverebbe analogia alcuna tra il periodo storico in questione e il presente. Infatti:

1) Le circostanze e i riferimenti del discorso di Moro furono del tutto differenti.

2) La vecchia DC è morta e sepolta (forse) e il Partito Comunista non è più quello di un tempo

3) Le Brigate Rosse non costituiscono più un’inarginabile minaccia per la Repubblica (anche se hanno un sito internet!).

4) La nascente concezione politica sembra superare la divisione classica tra destra e sinistra laddove negli anni settanta ciò rappresentava un dogma incontestabile.

5) I nuovi mezzi di comunicazione di massa consentono una partecipazione maggiore dei cittadini ai fenomeni politici rispetto al passato.

6) La casta attuale non è lontanamente paragonabile alla classe politica di un tempo per livello intellettuale. Moro e Berlinguer si sarebbero dati così tanto da fare per rispondere alle critiche di un comico?

Alla luce di questi fattori, dopo aver effettuato un’analisi comparata dei due periodi storici in questione, possiamo concludere che essi non c’entrano assolutamente un c…o.

Consigliamo pertanto al ministro Mastella di munirsi di un manuale di storia contemporanea e di ripassare i fondamentali della nostra Repubblica. C’è chi ignora la costituzione e chi ignora la storia.

P.S.: mettiamo la nostra photogallery a disposizione di tutti i partecipanti al concorso di beppegrillo.it sulla Mastellamobile. Inviateci le foto via e-mail e penseremo noi a tutto.

103 commenti:

opium in vatican ha detto...

primo
http://www.flickr.com/search/?w=14737926@N05&q=mastellamobile&m=text

Anonimo ha detto...

Andiamo, non siate cosi' severi con Mastella!
Io credo di aver capito cosa sia successo a NY: nel video si sente una donna gridate "Shame on you!".
Poiche', come ben sappiamo, il ceppalonico non parla una parola d'inglese, lui ha probabilemnte capito "Scemo +".
Cosi' ha reagito all'insulto con un Vaffa, come gli insegnarono alle elementari.
Ciao ragazzi, complimenti per il blog e in bocca al lupo.

Anonimo ha detto...

zi pietro ha detto...
Napoli, Napoli, Napoli. Parlano tutti. La camorra uccide. La città ha paura e si interroga. Lo Stato corre ai ripari. Mentre due vecchi viceré dei disastri andati tentano un’operazione impossibile. Un mostruoso lifting della loro storia di uomini che a Napoli hanno gestito il potere per un ventennio e più. In un colpo solo quei due uomini provano a far dimenticare ad una Italia smemorata cosa furono «i loro anni». «Questo qui è peggio di noi» hanno sentenziato Antonio Gava e Paolo Cirino Pomicino ai cronisti che gli hanno chiesto lumi e giudizi su Bassolino.
«Quando a Napoli c’eravamo noi», è il ritornello recitato in questi giorni con patetica nostalgia da don Antonio e da Paolo «’o ministro». I cronisti annotano, si compiacciono dell’innocente «ciciniello» (l’abnorme anello infilato sul dito di Gava gioia e dolore delle tumide labbra dei fedelissimi) e della colorita parlata di Pomicino e passano oltre. «Scurdammece ‘o passato».
Anni Ottanta. Il terremoto. Anni Novanta. Il sacco di Napoli. 24 giugno 1993, la giunta comunale della città dichiara lo stato di dissesto del Comune. 12 agosto, il Capo dello Stato accoglie la richiesta del ministro dell’Interno di sciogliere il Consiglio. Il sindaco della città, Tagliamonte: «Siamo decisi ad assicurare la governabilità...». Su 80 consiglieri comunali del consiglio eletto nel ‘92, 18 sono raggiunti da ordini di cattura. Sette del Psi, 5 Dc, 2 repubblicani, 2 liberali, 1 a testa per Pds e Msi. Nel calderone della Napoli bollente di quell’anno finiscono anche 2 consiglieri provinciali (un liberale e un Dc), 13 consiglieri regionali (7 Dc, 5 Psi, 1 Pli). «Tutti questi amministratori - si legge nella relazione sulla camorra della Commissione parlamentare antimafia del 21 dicembre 1993 - sono stati coinvolti in vicende giudiziarie connesse alla loro attività di governo e spesso in concorso con elementi della camorra». Questo accadeva nei tempi d’oro dell’«eravamo meglio noi».

Era la Napoli di Gava e Pomicino, dove la camorra era fortissima. Organizzata. Politica. Violentissima: 2621 omicidi, il 21% degli assassinii di tutto il territorio nazionale, dal 1981 al 1990. I clan sono 111 nel ‘93 e gli affiliati 6700. In città 25 sono i gruppi dominanti. Nel decennio la camorra si è ingrassata col terremoto e le grandi opere pubbliche. Una torta da 60mila miliardi di vecchie lire dell’epoca. «L’attività di ricostruzione - si legge nella relazione dell’Antimafia - è caduta quasi interamente nelle mani della camorra che controllava capillarmente il territorio». Ma il passato va «scordato». E così nel 2005, venticinque anni dopo la tragedia, gli amministratori pubblici della Campania - questa volta tutti di centrosinistra - il terremoto lo ricordano tra fiumi di lacrime e litri di champagne. Si distribuiscono medaglie, onorificenze. La retorica seppellisce gli scandali del passato. «’O ministro» e don Antonio sono raggianti.
Cemento, appalti, rapporti con le grandi imprese del Nord e legami con la politica: la ricetta era questa. Eppure, in un freddo pomeriggio di febbraio del 1992, Paolo Cirino Pomicino lancia la grande idea per la città. Appalti pubblici per migliaia di miliardi. «Neonapoli», la chiama e il gioco è fatto. A quel tempo «’o ministro» non conta moltissimo nella Dc napoletana: appena il 25%, poco rispetto al 60 dei suoi due rivali storici, Gava e Scotti. Come risollevarsi? Semplice, proponendo un nuovo ciclo del cemento: 7227 miliardi di lire per rifare il volto della città. Nuovi quartieri, 150mila vani, speculazioni edilizie su Bagnoli e Napoli Est. La città degli affari applaude. «Perché questa - spiega all’epoca Mirella Barracco - è una realtà dove è possibile ogni fondazione e ogni rifondazione. Qui si è costantemente all’anno zero». Pomicino è un occasionista, si fa moderno Principe, parla a quei ceti che aspirano ad un diverso sviluppo della città. Il progetto muove tanto fumo. Poi si ferma. La storia prende un’altra piega.
Aprile 1981. Sulla carne di Napoli e della Campania le ferite del terremoto sanguinano ancora. La città è sconvolta dall’irrompere sulla scena della follia brigatista. L’azione più eclatante è il sequestro di Ciro Cirillo, braccio destro di Antonio Gava. Lo tengono prigioniero per 90 giorni. Tre mesi e succede di tutto. Imprenditori napoletani vicini al partito di Gava raccolgono fondi, la Dc e i servizi segreti trattano con Raffaele Cutolo e le Br per la liberazione del notabile di Torre Del Greco. Quello che non era stato fatto per Aldo Moro viene fatto per Ciro Cirillo. Alla fine viene pagato un riscatto: 1miliardo e mezzo alle Br, quasi il doppio a Cutolo. Il resto della storia è una lunga catena di morti, almeno 12 possibili testimoni. Depistaggi. Uccisioni per fermare la verità. Antonio Ammaturo, capo della Squadra Mobile di Napoli, aveva scritto un dossier sui retroscena di quel sequestro, viene ucciso dalle Br nell’82. Il commando gode dell’appoggio di uomini della camorra. Quando sei anni dopo il giudice istruttore Carlo Alemi consegna la sua inchiesta sul sequestro Cirillo, viene attaccato in Parlamento e definito dal capo del governo «un giudice che si è posto al di fuori del circuito istituzionale». Presidente del Consiglio era Ciriaco De Mita, ministro dell’Interno Antonio Gava. Alemi fu messo sotto inchiesta dal Csm. Aprile 2001, Ciro Cirillo viene intervistato da Giuseppe D’Avanzo de «La Repubblica». «Signore mio - dice - la verità sul mio sequestro la tengo per me. Ho scritto tutto in una quarantina di pagine che ho consegnato al notaio. Dopo la mia morte si vedrà». Accadeva a Napoli, ai bei tempi di quelli che «eravamo meglio noi».

Anonimo ha detto...

napule munnezz e colera

giggi d'alessio e o' zappator

marado' e ceppalo'

ma andate a dar via el cu'
terun de l'ostia

italia libera dai manduline!

Antonio Mezzogiorno ha detto...

Dite quel che volete di TUTTO lo establishment politico partenopeo e campano.

Davvero, si, DITELO.

E ci sta davvero da poter dire di tutto (e non in positivo).

Trovereste concordi me e centinaia e centinaia di migliaia di altre persone.

Ma, per favore, non prendiate la deprecabilità dell'operare di un (ahimè) "Ministro" e magari anche di tutti quanti gli altri "politici" campani a pretesto per offendere la gente del meridione, tutta, ed in particolare quella di Napoli e della Campania.

A) non è giusto né corretto

B) io -e credo MILIONI d'altri- non mi sento né rappresentato, né in alcuna misura "tutelato" da questi personaggi

C) prima di guardare le pagliuzze negli occhi altrui, và a scoprire le travi in quelli tuoi: il "Nord Italia", l'Italia che produce, l' "Italia da bere" quasi quotidianamente ci offre esempi di criminalità efferata, di truffe finanziarie etc., etc., quindi, fossi in te, calerei un po' la testa.

Anonimo ha detto...

si' la criminalita' degli scugnizzi
trapiantati a melano.

va' a vivere a napule e statte alla'

Anonimo ha detto...

senza l'Italia dei mandolini ed il resto del Sud Italia, ed anche senza gli immigrati, le vostre fabbriche sarebbero chiuse, e così col cazzo che voi, mentre gli ALTRI faticano (NOI) potreste andare in giro a trecento all'ora di notte sulle vostre auto di lusso.

Fà una bella cosa, tu che conosci solo la politica delle infamità, stanotte falla anche te una bella gara di velocità con la tua Porsche o Ferrari: ti auguro un biglietto di non ritorno.

Anonimo ha detto...

la porche ce l'hanno i manduline che a napule non usano lo casco e il loro motto ie' se lavur mangn se non lavur magn e bev.

posteggi abusivi
case abusive
lavori abusivi
e mastelloni che adorano ceppaloni

terun de l'ostia

Anonimo ha detto...

ecco il popolo di grillo.... tutti contro tutti

Anonimo ha detto...

MANTENIAMO DECINE DI MIGLIAIA DI NAPULETANI ALLA REGIONE ALLA PROVINCIA AL COMUNE CHE VOTANO IL CEPPALONE.

A VOI A DIFENNERE I NAPULETANI

BELLA COERENZA

FATEVE NA' VACANZA DOVE CI SONO LI NAPULETANE E VEDRETE CHE PEZZENTI SONO.

IN MEZZO A LA MUNNEZZ

RIDUCONO LE SPIAGGE COME NA' DISCARICA E CI SGUAZZANO PURE CONTENTI.

CEPPALONE L'HANNO VOTATO I NAPULETANI O SBAGLIO RICCHIO'?

Anonimo ha detto...

manon eravate il popolo che si indignava contro la politica?
Non mi sembra... dopo sta filippica contro i terroni !!!!

Anonimo ha detto...

NO CONTRO I TERRONI MA CONTRO I CEPPALONI NAPULETANI

BACIO LE MANI

Anonimo ha detto...

mi sa che travaglio non sarebbe d'accordo.... manco santoro che è di salerno

Anonimo ha detto...

rispondere nel merito no?

Anonimo ha detto...

Grazie, Mastella, vedi? alimenti l'antimeridionalismo.

Grazie, "Ministro", europarlamentare, parlamentare, sindaco, finanziere,

Grazie!

Anonimo ha detto...

allora?
la tua critica è anche contro santoro che è di salerno?
aspetto ancora una risposta

SPO ha detto...

non mi sembra il caso di fare questi discorsi su questo blog. State solamente scrivendo un sacco di volgarità e luoghi comuni inutili su nord e sud italia, che peraltro non hanno niente a che vedere con il post che dovreste commentare.

Anonimo ha detto...

giustissimo... ma aspetto una risposta dal piccolo bossi

Anonimo ha detto...

woodcook è di napoli o no?
allora è anche contro di lui?

N.P. ha detto...

Ragazzi questi discorsi sono triti e ritriti.. Non portano da nessuna paerte. Chi è del Nord rimane convinto di determinate cose, chi è del Mezzogiorno altrettanto. Questo discorso non può portare ad un punto di incontro. Mi pare che ci siano cose più interessanti su cui discutere. Inoltre vorrei sottolineare che questo blog non è una filiale di quello di Grillo.
Buona continuazione...

Leda193 ha detto...

A parte i discorsi da bar tra Nord e Sud che sinceramente credevo si sentissero ormai solamente nelle vallate alpine (dove impera non a caso il cretinismo nelle valli), volevo dire che a me sembra che Clemente Mastella abbia chiuso il suo blog ufficiale, da stamattina compare il messaggio "impossibile visualizzare la pagina". Risulta anche a voi? Poveraccio, si è dimesso virtualmente. Speriamo sia il primo passo, dal virtuale al reale.
Ciao
Leda
scatolecinesi.splinder.com

N.P. ha detto...

x leda:

Non ci risulta Leda. Noi dello staff lo visualizziamo correttamente.

saluti

Anonimo ha detto...

Il revisionismo storico, almeno così smaccato, ci mancava... da Mastella, almeno
(perché chi l'ha messo là invece ce l'ha già nella sua valigetta di armi segrete da sempre).

Che l'abbia usato pure clementino è un sintomo chiaro. Sta proprio perdendo le staffe!
Ora è il momento di battere duro!

Anonimo ha detto...

Hey... però, il TG2 s'è risparmiato il termini "stronzi" ma non s'è risparmiato di far capire che è stato pronunciato. L'ha sostituito con "puntini".

Eh bhé... non si poteva omettere. Il TG doveva necessariamente farsi carico di amplificare (ops, riportare) l'insulto.

Mastella lo vorrei lontano dall'Italia. Un puntino lontano lontano. Un puntino! Un Puntino!

Pincopanco ha detto...

clEMENTE forse è consigliato male dai suoi collaboratori che magari hanno uno sviluppo intellettuale da scuola elementare. Si fa scrivere i discorsi da gente più ignorante di lui a mio parere. Avrà pensato, adesso sparo una cosa a caso detta da Moro così acquisto punteggio.. è tutta qui la pochezza di mastella. Manco immaginava il contesto in cui la pronunciò Moro, basta ricordarsi della sua faccia stupita quando a porta a porta il direttore di liberazione gli ricordò il contesto infelice in cui Moro pronunciò quella frase. E' fatto così clEMENTE, bisogna diffondere le sue gesta a più gente possibile. Io da parte mia non perdo occasione per pubblicizzarle, su internet, per strada, con amici, con conoscenti, in chat diffondendo la petizione per chiederne le dimissioni.. più persone sapranno della sua pensione da giornalista avendo lavorato come giornalista solo un anno, o più persone sapranno che va ai gran premi di formula uno con gli aerei di stato, o più persone sapranno che va a New York coi soldi nostri, più persone sapranno che vuole trasferire De Magistris perchè sta indagando sul malaffare politico/giudiziario/mafioso in calabria (con una inchiesta che tocca anche amici dello stesso clEMENTE) e MEGLIO E'!

P.S sono una terrona, precisamente della provincia di Salerno.

Anonimo ha detto...

ehi polentoni
ma che state dicendo??????
qui non si tratta di napoletani o milanesi , non avete capito un ca..o

ma quanta ignoranza c'è!
io non sono di napoli ma ci lavoro e posso assicurarvi che i napoletani non sono tutti uguali, come in ogni parte del mondo c'è il bene e il male , qui purtroppo si fa notare di più il male.

cmq polentoni vi mostrate sempre per quello che siete un branco di pecorai e montanari(mi fate vergognare di essere italiano).

Invece di inveire e di dividerci brutti deficienti che non siete altro cerchiamo di cacciare chi ci sta rovinando la vita.

Mastella è del sud ma dal nord non è che arrivano questi grandi politici esempio di giustizia e lealtà quindi stiamo calmi un po tutti.

Anonimo ha detto...

che tristezza il popolo di Travaglio

Anonimo ha detto...

Il popolo di Travaglio????
ma che ca..o dici
ma non capisci che qui si sta solo prendendo coscienza di ciò che ci circonda?
se tu hai due prosciutti avanti agli occhi allora ti consoglio una visita da un buon veterinario.
o peggio se sei convinto che i politici italiani siano nel giusto allora ti consiglio il suicidio

popol'ano' di berlusconi

N.P. ha detto...

Ragazzi allora...
Ma non capite che insultandovi a vicenda date ragione al clEMENTE e gli fornite i presupposti per affermare che il popolo di internet non sappia fare altro che offendere... Non cadiamo in simili provocazioni!!!
Aridaje (tho uso il romaneco anche se sono di milano, contenti?!) con Grillo e Travaglio...
Vabbè contenti voi...

Anonimo ha detto...

Ma non dovevamo parlare di Aldo Moro?
Cecilia

P.S.
Io sono pugliese ma vivo a roma

Pincopanco ha detto...

clEMENTE non ne azzecchi una che sia una! Ma dimettiti dico io.. ti abbiamo pagato i contributi per 2 o 3 pensioni.. eddai.. vattene. Dico, hai constatato che nessuno ti vuole al governo , prendine atto e dimettiti. Ma perchè dobbiamo essere costretti a sopportarti? :-(

Pincopanco ha detto...

Io devo complimentarmi per i compilatori di questo blog, post precisi e puntuali su "fatti" e non su opinioni. Verifica delle fonti e dei contesti, critica anche feroce ma corretta, esposizione lucida e coerente. Insomma clEMENTE prendi esempio! Ma credo che tu non possa.. saresti costretto a scrivere delle verità. A proposito, del processo a gaspare giudice ne vogliamo parlare clEMENTE? Non sei stato chiamato come testimone in codesto procedimento penale che vede il giudice indagato per associazione mafiosa? Domande, domande e tu rispondessi na volta alle domande, no! Mai! Se ti si pongono domande su un fatto specifico ti offendi .. è lesa maestà.. convinto come sei di essere la reincarnazione di qualche principe medioevale che ha a sua disposizione milioni di servi della gleba. UFFA!!

Anonimo ha detto...

cecilia sei pugliese di dove?
io sono di taranto e vivo a roma
Antonio

Anonimo ha detto...

prima vi insultate tra polentoni e terroni... poi parlate di ciambellani di berlusconi schierandovi chiaramente a sinistra... e poi sapete ripetere solo fino all'ossessione" clemente dimettiti"...mamma mia che palle che siete

Anonimo ha detto...

Si siamo pallosi

Mastella dimettiti

si siamo pallosi

Mastella dimettiti

piuttosto guardate qui:

http://www.youtube.com/watch?v=SJaBasc_0uQ

Anonimo ha detto...

Anche io sono di Taranto Antonio...fa piacere incontrare in blog i compaesani...sono rimasta molto colpita dall' analisi storica che avete fatto...
quando ci facevano studiare il terrorismo ci raccontavano che lo stato si dimostro' forte perche' lo lascio' morire e non cedette ai terroristi..
Salvo poi calarsi le brache appena rapirono l assessore campano di cui non mi ricordo il nome...
Quel pover uomo voleva fare il compromesso storico e l hanno lasciato morire per non farglielo fare..
E le brigate rosse hanno dato una mano..
Se vi capita vedetevi il film Buongiorno notte, c'e' una scena in cui Aldo Moro dice..."Non capite che se mi uccidete gli fate solo un favore?"

Cecilia

Anonimo ha detto...

oddio guardatevi questa!!!!!!!!!!!!!!!!!

AAHAAHHAHAHAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA


http://www.flickr.com/photos/12257608@N00/1529444429/

cecilia

pippo ha detto...

Secondo me l'anonimo importunatore è il "mitico" difensore di mastella
ciao a tutti....
ps grande blog!

Luca Rosso ha detto...

Non sono d'accordo con l'affermazione che la DC sia morta e sepolta. La DC che permise l'assassinio di Moro, a mio avviso, è ben sveglia e affatto arginata. Cambiano solo le forme con le quali striscia. Stiamo molto attenti a massoneria e mafia nelle varie forme. Attenzione ai fatti e alle notizie tendenziose che fuorviano e depistano!!
Buon lavoro ;-)

Anonimo ha detto...

non c'è un commento che sia uno... solo che schifo di qua e che schifo di la... dimettiti...
ma una considerazione di senso compiuto la volete fare?

DIMETTETEVI VOI

Anonimo ha detto...

LEGGETEVI QUEST ANSA!!!!!!!!!
Gerardo Vitale, ex
sindaco di Camerota, localita' turistica del Cilento, in
provincia di Salerno, e' stato arrestato con l'accusa di aver
rubato prosciutti.
L'uomo, 50 anni, primo cittadino democristiano nei primi anni
'80, e' stato bloccato dai carabinieri mentre si allontanava da
un supermercato di Marina di Camerota a bordo della sua auto.
Durante la successiva perquisizione, sono stati scoperti all'
interno della vettura numerosi prosciutti, salumi e formaggi per
un valore di alcune migliaia di euro. L'arresto di questa
mattina giunge dopo una serie di indagini avviate nei giorni
scorsi, in seguito alla denuncia dei titolari del supermercato
che si erano accorti della sparizione di numerosi prodotti dal
reparto alimentare. Dopo alcuni appostamenti effettuati dai
carabinieri, la scoperta questa mattina dell'insospettabile
responsabile dei furti, Gerardo Vitale, appunto, da tempo
dipendente del supermercato.
Dopo l'arresto, l'uomo e' stato trasferito in cella di
sicurezza, a disposizione della Procura di Vallo della Lucania.
Vitale e' molto conosciuto nel piccolo centro cilentano.
Apprezzato dai suoi compaesani quando era primo cittadino, era
stimato da tutti per le sue capacita' di amministratore. Ancora
oggi sono in tanti a ricordarsi del suo matrimonio, quando per
l'occasione intervenne l'attuale ministro di Giustizia Clemente
Mastella, a quei tempi esponente di spicco della Dc, in qualita'
di testimone dello sposo. (ANSA).

CECILIA

Anonimo ha detto...

e da cosa dovremmo dimetterci?????

commenti???????

in questo caso non c'è bisogno di commenti ma di azioni ben precise

e poi questo è un blog libero
ognuno è libero di sfogarsi come meglio crede senza dover dare conto a nessuno.

La vuoi una critica costruttiva , allora fai aprire un dialogo chiaro e diretto (cioè senza censura) al tuo protetto demente (ma non è che sei di ceppaloni pure tu???) , poi vediamo cosa ne esce fuori.

Secondo me dopo qualche ora di contraddittorio reale si dimette di corsa.

V-day per sempre

EMERGENZA DEMOCRATICA ha detto...

Togliamo l'"OSSIGENO" (i "SOLDI") ai "LADRONI" del "POTERE", cominciando dalle "TESTE".
Per questo EMERGENZA DEMOCRATICA ha già pronta la "LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE" per chiedere il "DIMEZZAMENTO" degli "STIPENDI" dei "PARLAMENTARI" e a breve la presenterà in Cassazione.
EMERGENZA DEMOCRATICA aderisce all'appello di Grillo per le liste civiche.
emergenzademocratica.blogspot.com

Anonimo ha detto...

quindi è uno sfogatoio... un modo per scaricare psicosi

Anonimo ha detto...

si anche uno sfogatoio
se serve a qualcosa si.
oppure è un mezzo per rompere il culo a chi ci sta rubando la nostra vita giorno per giorno.

ma non è che i politici iniziano ad avere paura di essere presi a calci????
ma non è che sei uno di loro???? o meglio non è che sei un leccaculo di politici??????ti hanno promesso un bel posto di lavoro????ti hanno fatto assumere da qualche loro amico/parente??????

no sei proprio di ceppaloni allora!!!!!!

Anonimo ha detto...

é pazzo?
....mastella mastella a pezzi da cento lire in faccia ti scacceremo dalla poltrona...altro ke le vacanze a new york...guantanamo.

PS

L'ossobuco va con i piselli

Stefano ha detto...

Tutto condivisibile a parte il titolo del post che trovo veramente di cattivo gusto.

Anonimo ha detto...

suggerisco a tutti i lettori di andare a leggere il post su www.annozero.rai.it

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

IO sono a favore (e non invidioso) di chi "riesce" nella vita

Sono a favore della "Casta" (I Politici) e contro "la Casta" (il libro)

http://lasteccanelcoro.blogspot.com/2007/09/favore-della-casta-i-politici-contro-la.html

Con l'arrivo nelle librerie da mesi del libro "La Casta" ,sui presunti costi della politica ,scritto da due giornalisti (sig. Stella Gian Antonio e sig. Rizzo Sergio) si ripropone con forza la solita solfa demagogica contro i presunti "privilegi" dei parlamentari.Trattasi ,diciamolo senza dubbio e senza timore di essere smentiti (se non dagli ipocriti di turno), della tipica invidia verso chi � Politico o peggio (meglio) Parlamentare.


Destra e Sinistra, Uomini,Donne (Gay,Lesbiche,Transessuali e Travestiti), Nord Est, Nord Ovest, Centro, Sud, Isole:tutti d'accordo sul fatto che i parlamentari avrebbero troppi privilegi.Quelli che loro chiamano privilegi, io li chiamo diritti.Sintetizzo i principali punti dei nostalgici dello scontro di classi (in questo caso, di Caste).


1) chi fa il parlamentare non sa di solito fare alcun mestiere


2) diventare parlamentare � semplice, che ci vuole? basta avere una qualche clientela.Che ci vuole a svolgere l'attivit� di parlamentare?


3) non fanno nulla dalla mattina alla sera in parlamento


4) Ma � giusto che abbiano tutti quei privilegi (dettagliatamente citati nel libro superdemagogico "La Casta")?


Rispondo asssai rapidamente ad ognuna di queste (cad�che) obiezioni.


1) Non si hanno dati certi per sapere quanti siano i politici di professione, o quanti, stanchi della routine (piccolo-grande) borghese, desiderano entrare in politica anche in et� avanzata.Sicuramente io diffido di chi non � politico di professione.Preferisco chi � in politica da tempo (per questo aborro la richiesta di ringiovanire la classe politica).Basta vedere i disastrosi risultati (ancora peggiori di quelli della prima repubblica), conseguiti dalla nuova classe politica del dopo Tangentopoli.In pi� i politici di professione mi garantiscono di occuparsi solo di Politica senza dovere badare ad altri lavori o professioni (con indubitabili conflitti di interesse).I peggiori politici sono stati i non professionisti della Politica.Quindi bisognerebbe impedire ,se non in particolari casi, che diventi Parlamentare della Nazione chi faceva un altro lavoro o professione prima.Fare l'Ingegnere, l'Avvocato,l'impiegato,il Medico l'operaio,il professore non � lo stesso che fare il Parlamentare.Sono lavori assai pi� semplici perch� ripetivi.Prendete uno di questi soggetti e fatelo parlare in TV o fategli fare un intervento al Parlamento sulle pi� disparate materie.Fare il politico non � come lavorare in banca , ripetere la stessa solfa alle lezioni universitarie sempre e solo nella propria materia, fare atti di citazione a giudizio a ripetizione, o dare le stesse medicine per le stesse malattie.


2) Se il parlamento � il Paese dei balocchi come dite (e lo � meritatamente) , perch� non tentate voi di diventare parlamentari? Non attendo altro poi che vederVi in una intervista, o in parlamento quando Vi tocca parlare in pubblico.Tutti dileggiano i Parlamentari ed affini, ma gli stessi alla fine vorrebbero esserlo (perch� sarebbe da ipocriti ed innaturale dire che sono dei privilegiati, e poi non ambire a quello status).Se poi pochi vi ambiscono (e pochissimi riescono ad entrare nella Politica che conta) � semplicemente perch� non son ca-pa-ci.Da l� nasce la frustrazione e l'odio (comprensibile ,ma non accetabile) verso i Politici.L'arte pi� difficile � quella della persuasione.Ed allora chi ha una clientela � pi� capace degli altri a persuadere tanta gente.E' un grosso merito che porta a volte (ma non sempre) alla poltrona di Parlamentare.E' un merito o no la capacit� di persuasione, l'avere un seguito? Lode e merito a chi lo ha.


3) Questa � un'altra delle falsit� e delle calunnie che girano sui Parlamentari.Sanno i signori borghesi che i Parlamentari hanno sedute in Parlamento o in "Commissioni parlamentari permanenti" addirittura fino a tarda notte? Non possono mica "smontare" alle 17.00, alle 18.00 dal lavoro come ogni lavoratore, perch� hanno delle incombenze (es. approvare una legge entro un determinato termine) cui non possono derogare.Non hanno orari ,n� giorni "sicuri" liberi".La Camera, un Consiglio dei Ministri pu� essere convocato senza preavviso per urgenze della Nazione.Nessuno di loro potr� dire "ma stasera c'� la partita" o "esco a cena con mia moglie".Non ci sono orari,n� giorni liberi.


4) I privilegi sarebbero guadagnare meno che 20.000 euro al mese? Potersi muovere sul terrtorio nazionale gratis? Pagare pochissimo i pranzi al Parlamento? etc...?Circa 1.000 Italiani su circa 30, 40 milioni diventano parlamentari della Repubblica ogni 5 anni.E' forse il "concorso" pi� difficile che esista per il numero di potenziali soggetti che ambiscono a quel ruolo.Per questo, specie chi ha passato anni ed anni a svolgere servizi in un Partito, ha diritto,secondo me, a questi e maggiori privilegi.Tanta fatica deve essere retribuita adeguatamente e quei privilegi delineati nel libro superdemagogico "La Casta" sono anche pochi se solo si pensa che un semplice manager sconosciuto gode quasi di eguali benefit.In primis bisognerebbe aumentare lo stipendio dei parlamentari ,sia per adeguarlo allo sforzo compiuto per arrivare a quello status, sia per evitare che siano soggetto-oggetto di corruzione.Un Parlamentare che si vede retribuito adeguatamente dai proprio rappresentati, � meno portato a farsi corrompere.Se poi vi saranno i soliti invidiosi di turno, ce ne faremo una ragione.Di invidiosi � pieno il mondo (specie l'Italia).

Anonimo ha detto...

vorei rivolgermi a tutti quelli che hanno partecipato alle schermaglie nord/sud, evidenziando l'ignoranza dei valligiani e i mandolini.
A parte la facile retorica, che potrebbe partire dall'unità d'italia, quando i SAVOIA svuotarono le casse del regno Borbonico per appianare gli enormi debiti, penso che per rispetto di tutti, tali idiozie siano tenute lontane, almeno su quei pochi blog che cercano di stabilire un contatto con i lettori per discutere di cose un momentino più serie.
Vi prego, andate a cazzeggiare su meetic o qualche altro sito del genere. qui abbiamo da fare!

Anonimo ha detto...

x avvocato del diavolo.

Domanda 1: x diavolo intendi Berlusconi?

domanda 2: Se ti mando gentilmente affanculo, poi ci vai per davvero?

domanda 3: che cosa significa
"IO sono a favore (e non invidioso) di chi "riesce" nella vita" ?
qui il fatto non é di essere in favore o contro, qui il fatto é il distinguo tra il "riesce" nella vita che non quadra. La maggiorparte di questi ignobili esseri del parlamento, non é arrivata li x chi é o per quello che ha dimostrato, ma x quelli che conoscono. Allora dimmi tu come fa una persona con un IQ appena sufficiente a essere d'accordo con la tua teoria da raccomandate (quale sarai sicuramente), per cui, VATTENEAFFANCULO TU E I CORROTTACCI TUOI!!

Anonimo ha detto...

i privilegi consistono nel raccomandare gli amici e parenti affinché traggano vantaggio dalla posizione del parente ministro.
Vi segnalo in proposito una simpatica anomalia che riguarda la nuora del ministro. Io la butto là: la signorina non ha superato i test di preselezione per segretario comunale. I risultati sono ora al vaglio della commissione che ha espressamente stabilito che per "errori nel sistema" la graduatoria va riformulata. E se per miracolo la signorina fosse inclusa nella nuova graduatoria? Per inciso, ci sono centinaia di persone che avevano già speso soldi in prenotazioni per aerei, hotel etc per partecipare alle prove scritte del concorso, a Roma. Magari è solo fobia, ma se la cosa si verificasse, non sarebbe un altro esempio di come si fanno e disfano tutto da soli, alla faccia di chi a certi concorsi ci va con tante speranze e poche raccomandazioni?
In bocca al lupo di cuore a chi dovrà affrontare queste prove.

Master_Mind ha detto...

AvvocatoDelDiavolo ha detto......

una domanda veloce, hai mangiato pesante prima di scrivere un cosi elevato numero di corbellerie tutte nello stesso post? oppure ti sei impegnato lasciando il cervello negl'altri pantaloni?

così giusto per capire, insomma allora io che devo dire che sono un privilegiato?
perchè non ho orari fissi di lavoro (so quando inizio senza sapere se è quando finirò la giornata) ?
perchè non ho un giorno libero fisso?
perchè non so mai se capita qualche rogna in una delle sedi dell'azienda per cui lavoro sia l'ora che sia giorno/notte piglio e parto per risolvere la rogna?
ho perchè ho le incombenze che tu dici di terminare i lavori di ampliamento e di ristrutturazione/aggiornamento sistemistico, sistematicamente entro tempi fissati, e considerando anche gli eventuali intoppi?

allora posso andare a fare politica ovvia non mi cambierebbe nulla secondo il tuo assioma posso ambire alla qualifica di politico professionista ho i requisiti basilari, parlare in pubblico non c'è problema tra le riunioni e i corsi di formazione al mio staff ... peccato che ritengo il rinnovamento dei politici italiani basilare per rimettere a posto le cose, ben vengano i giovani, ben vengano le competenze specifiche da utilizzare in ambiti specifici, basta con i politici tuttologi e tuttofare, cosa ne capisce mastella di giustizia.. è come chiedere ad un mattone di imparare la fisica quantitistica...

Andrea Ferraiuolo ha detto...

Caro avvocatodeldiavolo.Forse il diavolo ce l'hai nel cervello.Sempre che tu ne abbia uno.Che tu sia un tirapiedi del Mastella,o uno che vuole farsi pubblicità auto-proclamandosi la "stecca-nel-coro" citandola in ogni benedetto post, poco importa.Semplicemente :
1- penso che avere politici che conoscono le materie di cui parlano,sia un bene.Un ministro della Sanità che è stato direttore di un ospedale,sicuramente conosce meglio di chiunque le problematiche del settore.Per cui dire che un politico che fa,o ha fatto solo quello nella vita,è migliore,mi sembra una grossa scemata.
2-penso che paragonare la clientela agli elettori sia errato.un conto è avere una clientela,un conto è avere delle Lobby che ti restituiscono favori in cambio di voti.I miei clienti (sn commerciante)li persuado con la bontà delle mie proposte,e non comprano da me perchè mi devono indietro un favore.Sul diventare politico,lo farei se sapessi come cambiare il paese,ma non lo farei per cambiare vita.Per quello,basta partecipare al Grande Fratello.
3-penso che se lo andassi a dire ad un muratore o ad uno che lavora al mercato e si sveglia la notte alle 5 per scaricare i camion,e vive con 1000 euro al mese...potresti non tornare indietro(giustamente)
4-penso che più della metà dei politici siano sulle poltrone perchè amiche/figlie/parenti/soci .Di concorsi ce n'è ben pochi.Se tu pensi che si combatta la corruzione aumentando lo stipendio dei parlamentari,semplicemente sei uno che vomita sentenze sull'invidia,ma fondamentalmente sei un povero idiota.
Cordialmente.

Andrea Ferraiuolo

SPO ha detto...

Innanzitutto voglio ringraziare tutti voi lettori per il vostro contributo, sia quelli che scrivono complimenti che quelli che ci muovono critiche. A questo proposito vorrei rispondere a Stefano, che trova il titolo di cattivo gusto. Il titolo non vuole essere in alcun modo irrispettoso o irreverente: l'espressione "si rivolta nella tomba" è un modo di dire usato quando viene offesa la memoria di un personaggio defunto e non certo per offendere il personaggio in questione. Detto questo, ci dispiace se abbiamo urtato la sensibilità di qualcuno.
In secondo luogo vorrei dire a tutti gli anonimi che scrivono commenti con insulti o critiche di basso livello verso gli altri lettori, che non dovete sentirvi costretti a visitare il blog se non vi piace. Non abbiamo paura del confronto, purchè sia serio. Personalmente preferisco 100volte i commenti dell'avvocatodeldiavolo, pur non condividendo una sola virgola (come si fa a parlare ancora di privilegi PRESUNTI?), perchè se non altro sono articolati e forniscono qualche spunto per una discussione.
Ciao a tutti e buona continuazione

Salvatore ha detto...

Leggete l'intervento dell'On. Napoli all'Unione Interparlamentare sulla Birmania.
http://angelanapoli.blogspot.com

Anonimo ha detto...

mastella è un gran cane che ha rotto le palle a tutti

luka ha detto...

scusa salvatore,
vorresti dire che l'on. napoli è meglio del sen. mastella!???
tutti i politici sono la stessa merdaccia!

Sturmtruppen ha detto...

Mastella dimettiti

antonio ha detto...

OK spo, W l'avvocato del diavolo!

Ma si, Mastella è il simbolo della purezza della classe politica italiana, e và difeso, a tutti i costi.

Darei il sangue, per difenderlo.

Mastella ha agito nel pieno diritto, e mai ha commesso atti contro la legge né contro la morale, e chi lo sberleffa ed offende è un vile ed un irriconoscente: Mastella dedica la sua intera esistenza alla ri-edificazione della democrazia.

Mastella, vive per noi.
Mastella, E' noi.

Dobbiamo amarlo ed ossequiarlo, ed aiutarlo, in questo momento difficile.

Suvvia, andiamo, e hiediamo l'imbavagliamento "totale e definitivo" di TUTTI i media.

Dài, chiediamo la cancellazione di TUTTI i siti e blogs offensivi: c'è gente che parla, parla, scrive, scrive, perché stufa e risentita: esiliamoli tutti su di una capiente isola, questi disadattati!

Avvocato del diavolo, sei tutti noi, che vogliamo giustizia, che amiamo, osanniamo e veneriamo Dio Mastonte.

Avvocato del diavolo,



...mavaffanculo, và

Anonimo ha detto...

per l'avvocato (che non e' avvocato di nessuno perche' secondo me questo e' troppo ignorante,non puo' essere che lui in persona).

"IO sono a favore (e non invidioso) di chi "riesce" nella vita"

chi riesce a fare cosa???...a essere opportunista nel fare i propri interessi sfruttando la sua carica istituzionale????

ma vergognati!!!... un vero politico e' un uomo che mette a disposizione il suo credo e il suo sapere per gli altri, e non il solito pappone di turno che fa solo i sui porci interessi. mamma mia che schifo, mi vien da vomitare quando leggo le tue stronzate. ma sei proprio così ignorante o stai fingendo?

Anonimo ha detto...

avvocato, quello che scrivi è semplicemente demenziale! fatti curare!

Anonimo ha detto...

É ufficiale, lo abbiamo scoperto:
avvocato del diavolo é lui....
GRANDE clEMENTE! SEI VENUTO A TROVARCI QUI PERCHÉ IL TUO MESSAGGIO, SUL TUO BLOG, L'AVREBBERO FILTRATO!

A MASTÉ PRRRRRRRRRRRRR!!!(pernacchio)

Anonimo ha detto...

caro Luka, condivido il tuo pensiero sui politici,ma non puoi prendertela con chi forse non ha mai sfruttato il proprio ruolo istituzionale ed ha sempre lavorato per cause comuni; devi riconoscere che in questa casta possono esserci anche delle eccezioni. E credimi in mezzo a questa melma ci sono anche le brave persone e spesso sono quelle che non si conoscono.
Se non speriamo e non crediamo che c'è o ci sarà una politica diversa, di cosa parliamo allora?
Io voglio credere che possiamo trasformare questa politica ed individuare persone oneste che lavoreranno per noi. Altrimenti accontentiamoci di questa gentaglia e arrendiamoci a questi poteri.
Non conosco la napoli e non conosco altri politici che lavorano in sordina. Lasciamoli operare e se fanno parte anche loro della mala casta, stai tranquillo che arriveranno anche loro al palo.

Ettore (Roma)

Anonimo ha detto...

a proposito dei politici napoletani, ma questa la sapevate?
http://www.tuttonapoli.net/index.php?action=read&idnotizia=23058
Buona lettura :)

Anonimo ha detto...

copio ed incollo:

San Paolo gratis per i politici locali, petizione ritirata

Le buone idee, si sa, non hanno colore. E allora, quando al consigliere comunale Vincenzo Russo (Margherita) è balenata l'intuizione di pretendere ufficialmente più (e migliori) posti per tutti al San Paolo, il plebiscito è stato epocale. E trasversale. Al punto che, in calce alla proposta, tutte le firme non ci stavano.

L'ordine del giorno, che arriva giusto in tempo per Napoli-Juve, è circostanziato e perentorio: per le gare interne, i richiedenti reclamano l'accesso alla Tribuna autorità anche senza biglietto omaggio (De Laurentiis ne riserva già 120 al Comune), semplicemente esibendo il tesserino di consigliere comunale. Ma c'è di più: i rappresentanti del popoli chiedono posti "centrali, uniformemente distribuiti e in prima fila". Perchè a causa dei posti di second'ordine, i consiglieri, che "onorano con la propria presenza gli eventi sportivi", finiscono per essere "dileggiati da spettatori e frequentatori non politici", nonchè "compulsati da personale aggressivo". Insomma, piccole caste crescono perfino al San Paolo. Salvo poi inabissarsi nell'imbarazzo di un ravvedimento tardivo. Perchè la petizione, che ricalca i toni tipici di chi diserta ogni pudore, viene ritirata nel giro di qualche ora. Ma ormai l'autogol è cosa fatta. Ancora prima di andare in campo.

Fonte:
http://www.tuttonapoli.net (tratta da Gazzetta dello sport)

Anonimo ha detto...

Credo anch'io che dobbiamo cercare di riprenderci quello che questa politica ci ha tolto: La speranza di uno Stato Italiano migliore.
Il vero dramma e i veri colpevoli siamo tutti noi che questa gente l'ha votata e portata al potere.
Perchè non ci facciamo un esame di coscienza, perchè non ammettiamo i nostri errori. E' facile andare contro l'uno o contro l'altro, il difficile sarà non ripetere gli stessi errori quando andremo a votare.

Elisa (CT)

Anonimo ha detto...

Ah Maste', siamo alle solite:

Se sputo, ti profumo
Se piscio, ti lavo
Se cago, ti inciprio

i politici non conoscono vergogna ha detto...

Scusa avvocato del Diavolo, ma da quale pianeta arrivi?

No, perchè faccio fatica a credere che in Italia possa esistere una sola persona che possa affermare tutto ciò che hai scritto(e chissà quant'altro) se dietro quel nick non si nascondesse un Mastella o un Fassino o un Berlusconi od un Veltroni; ovvero un consulente o un portaborse, un parente od un conoscente che del grado di relazione col politico ne traggono giovamento.

Per questi motivi sono certo che tu stia tenendo un ruolo(ed il tuo nick lo conferma ed è segno che sei maniaco di protagonismo); ruolo che per essere sostenuto deve necessariamente esagerare nel sostenere certe tesi, portandole all'estremo, al limite del paradossale.
Come dire: avresti potuto scrivere e sostenere la tesi che quello che splende in cielo di giorno non è il sole ma una lampada da 10000W! Oppure che una vecchia signora viene a trovarti il 06/01 di ogni anno, puntualmente, scendendo dalla canna fumaria, è che quella è...la befana!...

Ma io ho dubbi sulle mie certezze ed allora mi chiedo: hai mai aperto gli occhi? non per verificare se di giorno brilli il sole o una lampada da 10000W(perchè in questo caso avresti perso la vista) ma che la befana fosse la tua vicina di casa!

Caro avvocato del Diavolo, beata innocenza ed ingenuità...

...auguri...

Anonimo ha detto...

certo che bisogna essere proprio una testa di cazzo per non capire che è persino penoso oramai...

dimettiti buffone

Andrea ha detto...

avvocato del diavolo,da piccolo sei per caso caduto dal girello ?!?!
hai trovato gente biricchina che ti ha fatto del male ?!?!
di che gelosia parli?
non tutti sono nati per far politica, tu ci sei riuscito ?
spero per te che sia una pura e semplice forma di egocentrismo, di queste persone nella storia ne abbiamo avuto tante, molti con le palle, sono certo che non é il tuo caso.
in conclusione , i geni si riconoscono solo dopo la morte, gli stupidi si riconoscono subito ... uno di quelli sei tu !!

Anonimo ha detto...

a chisto non ci dico sfaccimme perchè con 'a sfaccimme si fanno gli uommini ma ommemerda!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Le brigate rosse non hanno nessun sito internet, il sito linkato è solo di documentazione storica.

Luka ha detto...

Prima o poi capirà che nessuno lo vuole in Italia???

ho dei forti dubbi....

Anonimo ha detto...

Avvocato del diavolo = clemente mastella
se non è lui è un suo adepto.

ma parla come un bambino piccolo allora è proprio lui , quello che ha detto che sbagliare un verbo non è un errore ma una licenza linguistica.

questo l'ha detto lui (copia e incolla da clementemastella.blogspot.com):
Detto questo vorrei anche scusarmi con i puristi della lingua italiana per aver scritto "Come se io sia l'emblema del Male" al posto di "Come se io fossi", spiegando che per come era stata costruita la frase, e cioè come in una conversazione diretta, la cosa non mi sembrava così grave. In fondo il blog con i suoi post e i suoi commenti è paragonabile al linguaggio parlato. E certe libertà parlando mi sembra siano consentite. Non sto certo scrivendo un romanzo qui sopra. Mi fa piacere comunque che dagli insulti alcuni di voi siano passati alla critica letteraria e, da buon beneventano, dico: vuoi vedere che con il mio blog riesco a diventare anche oggetto del premio Strega?


AIUTOOOOOOOOOOOO , questo è il nostro ministro di grazia e giustizia , AIUTOOOOOOOOOOOOO

E' pazzo cacciatelo!!!!!!!!!!
E' pazzo cacciamolo!!!!!!!!!!!
andiamo tutti a ceppaloni a prenderlo a calci nel culo.

p.s.: confermo le br non hanno un sito (ci mancherebbe) è solo un resoconto storico curato da un giornalista.

Firmato:
avvocato delle cause PERSE

GERONIMO ha detto...

Io sono completamente d'accordo co Avvocatodeldiavolo
Personalmente diffido dei telepredicatori e dei disfattisti che fanculizzano tutto e tutti fornendo come alternativa il nulla.
Quando vedo uno con condanne penali che si scaglia contro i pregiudicati in Parlamento o un giornalista che parla di una casta cui lui non deve essere proprio estraneo per aver fatto cotanta carriera, mi rendo conto che ci troviamo nuovamente in quella situazione falsamente inquisitoria che ha prodotto quella barbarie chiamata Tangentopoli.
La definisco una barbarie perché, come scrive Carlo Giovanardi nel suo bellissimo libro "Storie di straordinaria ingiustizia, arrestati, infangati e prosciolti", l’80 % dei politici del pentapartito (Dc-Psi-Psdi-Pri-Pli e guarda caso non del Pci) incappati nel ciclone di Mani Pulite, sono stati assolti dopo essere stati distrutti dal punto di vista morale, familiare e politico.
Quando si crea un clima di questo genere, non c’è mai la serenità per fare una seria analisi delle criticità ma si finisce quasi sempre per instaurare la legge del taglione e la dittatura di chi urla e fanculizza di più.
Intendiamoci, non mi sognerei mai di proclamare il dogma della verginità della politica ma mi rendo conto che i privilegi degli Onorevoli ci sono sempre stati ( e per una sorta di deferente rispetto per le Istituzioni Patrie di cui dovrebbero essere degni rappresentanti li giudico in parte giusti) ma oggi vengono mal sopportati per l’immobile, truffaldina e spocchiosa incompetenza che questi dimostrano nel fingere di interessarsi ai problemi della gente.
Il vero problema è l’assenza della Politica vera e non le velleità golpiste di certi saltimbanchi.
I nostri politici sono superficiali ed incapaci di analizzare a fondo i problemi del Paese, di elaborare risposte adeguate, di andare oltre la battutina ad effetto o lo slogan recitato in tv con l’espressività dello scolaretto che dice la poesia.
Pensano che la politica consista nell’andare da Vespa o da Mentana a fingere di inalberarsi per le affermazioni del contendente cercando di coprire con urla alla Platinette il già povero ragionamento dell’avversario … in poche parole non sanno come si fa girare la macchina dello Stato e cercano di sopperire con il presenzialismo e la logorrea comunicativa.
Il giochetto, essendo tale, dopo un po’ finisce e se non ci sono contenuti politici la gente si stanca della Politica fatta a Buona Domenica e reclama risposte.
Ma perché la politica non fornisce soluzioni?
Ci sarebbero una moltitudine di cause a spiegare tale situazione.
Probabilmente Tangentopoli ha sancito la scomparsa prematura di una classe politica che non ha avuto il tempo di selezionarne una nuova facendo piazza pulita di gente che, tra mille difetti, aveva il pregio di conoscere bene il funzionamento delle leve da utilizzare per avviare la macchina dello Stato.
Sicuramente il Pentapartito ha avuto la grave colpa di accumulare un debito pubblico che rende ingestibile il nostro Paese ma è inaccettabile che l’Italia pretenda risposte da Pallaro, Cosimo Mele, Turigliatto, Schifani, Pecoraro Scanio (Conveniunt rebus nomina saepe suis che tradotto in italiano: Spesso i nomi sono adatti alle cose cui appartengono), Santagata, Rutelli o Calderoli.
Un’altra causa risiede nel fatto che ormai la politica non si rivolge più alla gente nella ricerca del consenso ma cerca apparentamenti con lobbies in grado di coagulare consensi e contributi economici divenendone schiava… ed in questo anche noi cittadini ci lasciamo strumentalizzare da centri di potere nella speranza di ottenere qualcosa in cambio non comportandoci meglio dei politici che definiamo corrotti..
In uno scenario in cui c’è la totale assenza di valori sia tra gli elettori che tra gli eletti si inseriscono a mò di sciacalli i paladini dell’antipolitica che al grido costruttivo ed edificante di andatetuttiaffanculo non favoriscono un’analisi attenta e costruttiva ma tirano fuori la parte più becera e forcaiola che risiede nell’ animo di ognuno di noi.
Sia ben chiaro che anche Grillo ha la sua buona dose di ragioni ed infatti molte delle cose che dice sono largamente condivisibili ( gli sprechi, il malaffare, l’incapacità della classe dirigente).
Certo nella foga retorica e forcaiola dice anche cose meno condivisibili tra cui mi piace ricordare il doppio mandato e l’ineleggibilità dei pregiudicati.
Sono contrario al doppio mandato perché se ci fosse un turnover ogni dieci anni ci troveremmo quotidianamente ad affidare le nostre sorti ai neofiti della politica mentre sarebbe opportuno che tale compito fosse affidato a chi ci capisce; non amo questo nuovismo stupidino.
Avremmo mai conosciuto le capacità di De Gasperi, Almirante, Berlinguer, Remo Gaspari, Andreotti, Spadolini ecc se fossero stati mandati a casa dopo due mandati?
Sull’ineleggibilità dei pregiudicati, rivendico ( da incensurato) il diritto dei cittadini di scegliersi i rappresentanti indipendentemente dalle condanne.
Poi la vedo una cosa pericolosa perché, con i tempi che corrono, l’arma giudiziaria potrebbe essere usata per eliminare l’avversario politico.
E poi dove sono le alternative allo stato attuale delle cose che questi paladini dell’antipolitica propongono? Mi pare che facciano solo tanta demagogia-
Un’ultima parola la voglio dire su quello che oggi appare come il capro espiatorio della casta: Clemente Mastella.
Personalmente mi è simpatico, mi sembra il più ragionevole nell’attuale maggioranza ma a mio avviso si è fatto inspiegabilmente strumentalizzare dai suoi alleati.
In un Paese in cui Lidia Menapace vuole abolire le Frecce Tricolore e poi usa voli militari per spostarsi da Roma a Lecce, in un Paese in cui Bertinotti pensa di aver moralizzato il Palazzo portando il costo del barbiere della Camera dei Deputati da 8 a 15 euro, in un Paese in cui Follini incassa i voti a destra e li porta a sinistra, in un Paese in cui i leaders conservatori parlano della famiglia e sono tutti divorziati, nel Pese del dalemiano “ dai Consorte facci sognare” e del Fassiniano “ abbiamo una banca?”, ma quali volete siano le particolari colpe del Clemente nazionale?
Gramsci teorizzava di occupare le casematte del potere al fine di ottenere un consenso forte e duraturo.
Peccato che l’attuale sinistra, non essendo all’altezza dei comunisti di un tempo, ha perso il totale controllo dei saltimbanchi e musici foraggiati per anni i quali hanno pensato bene di mettersi in proprio e di farsi largo anche a danno dei propri mecenati.
La casta dei giornalisti invece, per ovvie ragion di stipendio, è rimasta fedele alla parte politica da cui bene o male dipende.
Siccome anche i buffoni hanno un’etica, i vari Grillo e Guzzanti, non se la sono proprio sentita di risparmiare frecciate all’attuale maggioranza che vive tale attacco come un dramma in quanto non abituata a campagne medianiche i denigratorie.
Capisco anche che quando per anni ti presenti come chi incarna la parte eticamente e geneticamente migliore dell’Italia non deve essere facile riscoprirti dipinto a fare affari come un volgare appartenente alla CDL e ad amministrare la Cosa Pubblica come Cuffaro qualsiasi.
Però devi anche capire che chi oggi ti attacca dipingendoti in quel modo, è un prodotto disorientato ed imbufalito del superomismo che tu hai predicato per anni… è un mostro che hai creato tu dirigente della sinistra.
Allora qual è il modo migliore per evitare che questo fiume di … detriti.. ti sommerga?
Massìììì facciamo dire ai nostri sodali giornalisti che è tutta colpa di quel porco di Mastella!!!
E allora chissenefrega se l’indulto lo ha votato l’82% dei Parlamentari: è colpa di Mastella.
Chissenefrega se in affittopoli ed in svendopoli sono coinvolti tutti: è Mastella che ha arraffato gli appartamenti.
Chissenefrega se sul famosissimo aereo di Stato c’erano Mastella e figlio, Rutelli e famiglia, Lusetti e famiglia: è il solito Mastella.
Chissenefrega se le mogli di molti politici hanno posti nel palazzo: è la Signora Mastella il vero scandalo!!!
L’unico dubbio che mi attanaglia è il seguente: ma perchè Mastella (che non è certo nato ieri) non si sottrae a questo abbraccio mortale?
Ma davvero un Ministero vale l’annientamento politico?

Anonimo ha detto...

A Geronimo,
ma che nun ci hai un cazzo da fá che stá a scrivere un poema di 20 pagine?
Ma vai affanculo tu, l'avvocato del diavolo e tutti i faccendieri come voi. Guardate che si capisce subito che non siete persone qualunque e che avete un mandato dei vostri "amichetti" per scrivere certe cose.
Il dibattito é aperto a chiunque anche in questo blog, ma rinnegare l'evidenza mi sembra da presa x il culo, non da dibattito. Da come parli mi sembri quel Facci(a) di cazzo (carta igienica personale di Berlusconi) che non so con quale titolo appare sempre a Matrix.
Vergogna a tutti voi, se una giustizia divina c'é, portatevi una buona dose di vaselina nell'aldilá.

geronimo ha detto...

e chi sarei sta volta? Uno di Matrix?
( ricordo anche che qualcuno ha insinuato che sarei Pomicino)

FRANCESCO ha detto...

Letto SULLA PROVINCIA COSENTINA
DI OGGI 11 OTTOBRE:

pubblichiamo (di nostra iniziativa) una lettera che Luigi De Magistris ha inviato stamani ai colleghi iscritti a tre mailing list alle quali molti di noi partecipano. Sul paradosso della pretesa che magistrati accusati di ogni nefandezza subiscano in silenzio le accuse, abbiamo già scritto in questo blog: ”De Magistris e Forleo: i fatti, semplicemente”.
Ho deciso di scrivere questa mail in quanto vi è stata – ieri – la seduta della sezione disciplinare e la prossima udienza è fissata per il 17 dicembre.
Non entro nel merito delle accuse che il Ministro della Giustizia ha promosso nei miei confronti per non violare il dovere di riservatezza che mi sono imposto per il doveroso rispetto verso il C.S.M. e per non essere accusato, poi, di voler intimidire l'organo di auotogoverno della magistratura. Non vorrei, tra l'altro, a breve, trovarmi a dovermi difendere anche dalle contestazioni di associazione sovversiva o quanto meno di cospirazione politica mediante associazione o mediante accordo.
La voglia di parlare l'avrei perché da molti giorni leggo ed ascolto di "nefandezze" di cui mi sarei reso autore, vedo i miei pubblici accusatori (ministri e sottosegretari) ribadire in pubblico le accuse (che reputo totalmente infondate) – senza che mi possa difendere pubblicamente (un po’ come se il P.M. che indaga un soggetto andasse poi in televisione a sostenere che quella persona è delinquente) – di cui mi sarei "macchiato".
Voglio tranquillizzare un po' tutti: sono certo di poter dimostrare la correttezza del mio operato e l'assoluta infondatezza delle accuse rivoltemi dal Ministro. Certo, in questi anni di intensissimo lavoro in Calabria avrò fatto errori, avrò sbagliato, avrò fatto scelte discutibili, avrò parlato troppo, avrò assunto una condotta eversiva dell'ordine costituito, ma per fortuna gli "zelanti" ispettori che, da anni, si occupano, senza sosta, di scandagliare tutto (e solo) il mio Ufficio (dal 1996 ad oggi, forse sarò loro simpatico?) non li hanno ancora trovati: sono fortunato io o non sono bravi loro?!
Certo, se in questi anni non avessi avuto "contro" la dirigenza dell'Ufficio, se non avessi avuto le intimidazioni e le minacce provenienti da più parti (che ho esposto nelle sedi competenti e si tranquillizzino, quindi, coloro i quali sostengono che io abbia fatto denunce pubbliche senza fare nomi e cognomi: difatti, pubblicamente si può esporre la grave situazione, ma le condotte singole vanno segnalate nelle sedi istituzionali), se avessi avuto un po' più di attenzione da chi dovrebbe "tutelare" i colleghi che lavorano in sedi così difficili, se non mi avessero lasciato solo da un punto di vista istituzionale, se mi avessero affiancato colleghi nel lavoro come ho più volte chiesto, forse avrei evitato, quanto meno, di dover segnalare pubblicamente il pericolo incombente per la tenuta dello Stato di diritto, forse non mi sarei esposto all'esterno così tanto e chi mi conosce veramente sa che non gradisco apparire.
A un certo punto, però, ho avvertito che stesse accadendo qualcosa di irreparabile e ho deciso di far comprendere che cosa stesse accadendo, non a Stoccolma, ma in Calabria.
Questa voglia di "rompere" il silenzio, oggi, nelle liste, è, però, dettata dal cuore, dalla volontà di ringraziare tutti





Correlati
Al vaglio del Csm ci sono le interviste tv


Il Csm rinvia la decisione al 17 dicembre


De Magistris torna al lavoro. Nuovo impulso all'inchiesta Why Not


i colleghi che mi hanno scritto, anche privatamente, delle parole molto belle. Ho provato delle emozioni enormi e forti, che mi rendono felice e mi appagano di tutte le sofferenze di questi anni. Farei torto a molti se citassi qualcuno, ma mi limito, nel ringraziare tutti quelli che mi hanno dimostrato affetto, a citare il documento della giunta dell'A.N.M. di Napoli, le missive dei colleghi che sono stati miei uditori, le mail di colleghi con i quali abbiamo anche avuto percorsi culturali molto differenti e anche "scontri".

Evidentemente si è compresa la "posta in gioco" e il "mio caso": sì sono divenuto un caso, che strano, e forse si è intuito che, nonostante tutto, non sono poi così "macroscopicamente inadeguato". Credo, infatti, di cercare di esercitare le funzioni con onestà, abnegazione, sacrificio e umiltà avendo nel cuore e nella mente la Costituzione Repubblicana in primo luogo. Incompatibile con un certo ambiente (anche giudiziario) forse sì, ma non con questa terra dalla quale non potrò mai più "staccarmi" atteso l'amore che tantissimi calabresi mi stanno manifestando.

Grazie.

Luigi

Anonimo ha detto...

FIRMIAMO TUTTI LE PETIZIONI A FAVORE DI DE MAGISTRIS E CONTRO MASTELLA

Andrea Ferraiuolo ha detto...

Qualcuno mi dovrebbe spiegare a cosa serve firmare su una pagina web!
Quelle "firme" valgono come il 2 di bastoni a briscola quando per terra c'è spade,perchè posso pure firmare "cheguevara" o "diego armando maradona", o "darth vader",che tanto non cambia niente.Voglio dire, una volta firmata?esiste una legge in materia?
Non mi sembra.
Se qualcuno mi illuminasse sarei grato visto che sul sito petitiononline.com nn c'è scritto granchè.
Grazie

Anonimo ha detto...

Geronimo ha qualche rotella che non funziona.
Mette insieme una accozzaglia di cose senza nesso..
C'è gente che pur di parlare, di apparire, di far sfoggio di quella che personalmente reputano una forma di cultura, son capaci di vomitarti indosso realmente di tutto.
Qui, mastella assieme a Platinette e quanti altri.
Forse è lo stesso che "parava in campo" finanche Prodi ed Angelina Jolie.

Ma, insomma, ci sei, o ci sei ?!? (non vedo altre alternative, onestamente).

Conosci i personaggi del teleschermo? Bene, allora, fà una bella cosa: se non ci sei ancora stato, cerca di andare all'Isola dei Famosi, e, mi raccomando, però: RESTACE!!!

P.S. - cambia nick: fossi in "Geronimo", ma quello vero, mi starei rivoltando nella tomba.

Anonimo ha detto...

x geronimo
lascia perdere
tu e l'avvocatodeldiavolo vi fornite dallo stesso spacciatore?
che droghe assumete????
le vogliamo pure noi!!!!!!!

Andrea Ferraiuolo ha detto...

Geronimo tante parole,pochi concetti.Sei per caso un politico?

Usare due congiuntivi giusti ti rende migliore di Mastella,ma non migliore di tutti noi.Non sei nessuno.
Se vuoi portare un idea,sii conciso,ed esponi fatti, non citazioni di libri e politici di altre epoche.Ciò che riporti lo conosciamo già.Lo abbiamo letto anche noi.
Il fatto che sull'aereo ci fossero Rutelli e famiglia,non frega a nessuno.Sappiamo che l'indulto è stato votato da tutto(quasi) il Parlamento.Non frega a NESSUNO.
Oggi Mastella,domani Rutelli,dopodomani Berlusconi.Cercare nella guazza è sport nazionale,ma si finisce col perdere l'obiettivo.Mandarli a casa TUTTI!

Cordialmente.
Andrea Ferraiuolo

Andrea ha detto...

bisognerebbe firmare una petizione per tutte le USL d' Italia,niente droghe, questi idioti continuano a far uso ed abbiso di vivinC.
Confermo, cadere dal seggiolone da piccoli fa veramente male !!!
Ora mi sorge un dubbio, i due avvocati, secondo il mio modesto parere,sono il figli del demente!!

Anonimo ha detto...

grande Andrea F.

sono d'accordo

madarli a casa tutti

Comunicato a tutti i politici di professione.
è meglio che inizziate ad avere paura , perchè il popolo si è rotto le scatole dei vostri giochetti.

ps:questo comunicato è valido anche per tutti i portaborse leccaculo zerbini dei vari ladri istituzionali(vedi politici di professione).

l'Italia è nostra , è del popolo , non di questi quattro mangiapane a tradimento.

a dimenticavo
la mafia , la camorra , la ndrangheta (spero di aver scritto bene) e il nostro governo sono la stessa identica cosa , un manipolo di ladri approfittatori e vigliacchi.

cacciamoli tutti a calci nel culo

geronimo ha detto...

Caro Andrea Ferraiuolo
se tu la metti in questo modo( mandiamoli a casa tutti)
allora non capisco come mai questo sito sia monotematico (SOLO MASTELLA E' UN PORCO DEMENTE).
Non mi pare si faccia riferimento alcuno ad altre porcherie che la politica ha fatto in questi giorni ( affittopoli,unipol, svendopoli).
Se rileggi il mio post, più che una difesa di Mastella, è un attacco a tutti i politici .
Non capisco solo perchè si additi unicamente mastella.... allora se sai che sono tutti una manica di disonesti, lamentati di tutti (nessuno escluso).
Poi però mi devi dire cosa si fa quando li mandiamo tutti a casa... chi governa la fata turchina?

Andrea ha detto...

geronimo di cosa ti preoccupi ... ??
secondo il tuo punto di vista, se li mandiamo tutti a casa cade l' italia ?
nel nostro bel paese ci sono persone capaci di far politica, mandiamo a casa questi magnacci, senza pensione da parlamentari!!! per come hanno governato ... un semplice VAFFACULO ED UN CALCIO NEI RENI penso sia accettABILE !!

Alpapiro ha detto...

Ragazzi, ma quando il cEPPALONE si sarà dimesso (e manca veramente poco) chi sarà il prossimo preso di mira nell'operazione "Italia Pulita"?

Sono stanco di leggere porcherie propinateci dai ns. cari politici.

geronimo ha detto...

Caro Andrea Ferraiuolo
una classe dirigente non si improvvisa da un giorno all'altro...

Anonimo ha detto...

No, è vero, ma almeno scegliamo solo gli onesti e i capaci.
Gli inutili, gli arraffoni, i delinquenti, i papponi, i pishers, lasciamoli a casa, no? Sembra scandalosa 'sta cosa qui ?

Anonimo ha detto...

ohps, m'è venuto un pishers anziché pushers..

..beh, cambia pocao: suona comunque di roba da schifo.

Anonimo ha detto...

X geronimo

questo blog è dedicato a mastella
non preoccuparti che persto usciranno altri blog per tutti i politici corrotti.

a piccoli passi li mandiamo a casa tutti , hanno troppe malefatte da nascondere , non ci possono riuscire per sempre.

poi per la classe dirigente , hai sparato grosso

la classe dirigente ahahahahahahahah

i dirigenti come li chiami tu hanno dimostrato solo di creare deficit e malcontento nel paese, in un impresa o ditta o società chi non sa fare il proprio lavoro viene licenziato, perchè questi stanno ancora qua?????

qui la classe politica è uno schifo, se non sei parente di qualcuno col cazzo che entri a far parte della casta.

quindi prima di scrivere cazzate pensaci, perchè il politico non è un mestiere è un dovere verso il paese.
ma i nostri politici del paese se ne sbattono i coglioni , non sanno un cazzo di cosa succede alla gente normale(quelli che non hanno parenti importanti e non conoscono nessun politico)e che per tirare avanti hanno anche due lavori, si prostituiscono a contratti a termine con condizioni assurde , etc etc

pensaci deficiente che non sei altro.

Alfredo Ascioti ha detto...

posso dirvi una cosa?
oramai tutti ensano che faccia pena e vada compatito, ma la pietà è un sentimento cristiano che non si addice ai porci

geronimo ha detto...

anonimo magari sii più rispettoso nel contraddittorio
che ne dici?

Anonimo ha detto...

rispettoso con chi difende chi non mi rispetta!!!!!

non credo proprio.
occhio per occhio

se ti sta bene senno ciao

geronimo ha detto...

quantomeno singolare che chi taccia di arroganza la casta poi sia così arrogante con chi non la pensa come lui...

Anonimo ha detto...

a gero'
questa è bella
più tosto invece di tergiversare sugli insulti(boh) io dire che è più costruttivo andare a vedere cosa c'è scritto di buono

ma poi non hai pensato al fatto che forse per le stupidagini che porti avanti qualcuno potrebbe averti sui co....ni?
ah una cosa che ho notato è che hai una dialettica da politicante faccendiere , sono sempre più convinto che fai parte anche tu della casta o sei un parente di qualche politicozzo da stapazzo, oppure sei una che di benefici dalla casta ne ha avuti molti e quindi non può fare a meno di difenderli.

ciao gero'

geronimo ha detto...

guarda solo un paio di cose.
Primo perchè prima di attaccare atesta bassa non leggi i commenti?
Secondo a te non vanno bene tutti i commenti che dicono qualcosa di diverso rispetto ai soliti vaffanculo e politici di merda
Terzo io non salvo mastella ma dico solo che questa critica rivolta verso Mastella e non verso gli altri è strumentale oltre che sbagliata
Quarto non sono nessuno... sono un precario che non ha ricevuto aiuti da nessuno e che non ama le psicosi ed i moti collettivi ma cerca di pensare con la sua testa

Non cagare sempre fuori dal vasino

Andrea Ferraiuolo ha detto...

Per Geronimo :stai parlando con 2 persone differenti.Io mi firmo nome e cognome perchè non ho niente da nascondere nè da temere.Mia nonna dice "Male non fare,paura non avere".
Anche a me piace pensare con la mia testa.
Io non dico che quello che dici tu è sbagliato.Ho provato punto su punto a smontare la tua tesi.Se vuoi ribatti pure.Il discorso di mandarli a casa tutti è circostanziale: questo è un blog "anti-mastella".Mastella politico.L'uomo,per quanto mi riguarda,può pure andare a mignotte e farselo dare dai trans.Mi scivola.Però consentici senza contradditorio fintamente ideologico,di fare un "esperimento" con Mastella : se riusciamo dal basso a scuotere l'albero e far cadere qualche mela marcia,probabilmente il nostro esempio sarà seguito da altri.E lo scuoteremo sempre più forte.Questo è l'obiettivo dei creatori del blog.Per cui lamentarsi del fatto che sia un blog solo contro mastella,non so quanto possa essere propositivo.O sbaglio?

Anonimo ha detto...

no gero'

quarto:
se sei un precario o no a questo punto lo sai solo tu quindi quest'affermazione come la mia lascia il tempo che trova, poi è naturale puoi pensare cio' che vuoi, e non è fobia colletiva è la realtà che finalmente viene fuori e risveglia gli animi.

terzo:
non vuole essere una strumntalizzazione

è solo che il caro mastellik ne ha fatte di grosse e troppo evidenti per non essere notate dal mondo intero , lui si è esposto a questo rischio e ora si prende le conseguenze per primo.

secondo:
che ben vengano le critiche io sono apertissimo , accetto tutto ma se si dicono cagate allora mi incazzo (come tutti dopotutto)

primo:
ho letto non ti preoccupare e se attacco è per lo stesso motivo del secondo punto.

cmq è vero qui si prende di mira mastellik ma è normale ,ripeto, questo è il blog dedicato interamente a lui e nessun altro, quindi fai tu.

con questo ho chiuso almeno con te caro gero' e prima di schierarti con qualcuno che spara cazzate (avvocatodeldiavolo)pensaci

Anonimo ha detto...

MAstella coglione

Anonimo ha detto...

geronimo e l'avvocato del diavolo sono due portaborse o parenti o semplici leccaculo di quella specie di ministro della giustizia degno nostra repubblica delle banane che ci ritroviamo. scrivendo qui vogliono fare uno stupido tentativo di limitare i danni, ma il loro capo si e' gia' rovinato da solo, la sua arroganza la sua stupidit� e la sua disonest� hanno gia' prodotto l'irrimediabile. alle prossime elezioni verr� spazzato via comunque. andate a scrivere le vostre stronzate sul sito del "ministro",sicuramente verranno pubblicate!...qui non convincete nessuno!