giovedì 13 settembre 2007

EDIZIONE STRAORDINARIA


L'ESPRESSO. Il ministro della Giustizia Clemente Mastella ha volato da Salerno a Milano insieme ad alcuni familiari in uno dei lussuosi Airbus presidenziali. Praticamente una suite con 40 poltrone e ogni genere di comfort. "Sono qui per salutare l'amico Briatore", ha detto il ministro dopo lo sbarco nel circo dei motori. LA REPLICA: "Ho avuto solo un passaggio da Rutelli"

Nonostante il mostruoso sforzo che hai compiuto per portare avanti lo sciopero della pasta, quelli de "l'Espresso" hanno avuto il coraggio di criticarti. Pazzesco. Tutti noi sappiamo quanto siano importanti per te la famiglia, gli amici, i valori veri ed è per questo che appoggiamo la tua scelta e ti difenderemo, costi quel che costi, dagli attacchi politici e strumentali di cui sei vittima. Come sempre quando si tratta di famiglia non badi alle spese...nostre. Ma giustamente dico io! Che razza di cinico potrebbe dare un prezzo a un week end passato insieme ai proprio cari? E che dire poi del tempismo? Proprio quando non si fa altro che parlare di costi della politica e v-day. Come a ribadire che la famiglia viene prima di tutto e di tutti. Penso di parlare a nome di tutti gli italiani esprimendo la mia gratitudine per questo tuo encomiabile esempio di coerenza.

23 commenti:

swampthing ha detto...

madatelo via. vi prego.

SPO ha detto...

facciamo il possibile...dacci una mano anche tu

JP ha detto...

Sono con te, Clemente. Avanti così, non ascoltare questi scherani dell'antipolitica, questi mascalzoni qualunquisti.

E' tutta invidia, Clemente, è tutta invidia. Tieni duro e, mi raccomando: chiappe incollate alla poltrona. Costi quel che costi. Semper fidelis.

zeus31 ha detto...

grande idea...da adesso commenterò solo qua. dopo 3 giorni il suo ultimo post ha ancora 0 commenti! ci credete?? sono curioso di vedere quali commenti pubblicherà. Il mio "salutami caompanella" non penso proprio

roberto ha detto...

siamo tutti con te! ti abbiamo appena comprato un dizionario per vedere che populista non è una parolaccia... tranquillo, te lo leggiamo noi...

SPO ha detto...

ciao roberto, sarà che non ho ancora preso il caffè...ma a cosa ti riferisci?

Gionuein ha detto...

Sentite come si difende il Mastellone:
«Ci sono motivi di sicurezza e non decido io, ma il Viminale. Il ministro della Giustizia firma disposizioni contro i boss, ha tanti nemici e dev’essere protetto un po’ più degli altri. Come i ministri degli Interni, degli Esteri, della Difesa. Non scegliamo mica di prendere l’aereo di Stato per ragioni nostre, per sfizio o per ripicca. Ma anche per non mettere a rischio cittadini inermi. Quando Pertini volle usare un aereo di linea, lasciò a terra 50 cittadini con tanto di biglietto, per far spazio al seguito. Guardi, questo scandalismo dell’Espresso crea un effetto-Biagi terribile. E se poi, visto che si parla tanto di me, qualche fanatico fa una sciocchezza? Quando s’incattivisce la gente non si sa mai dove si arriva. Come per quello che ha tagliato le cime dello yacht: che c’entravo io se era incavolato per altri motivi e ha fatto qualcosa di pericoloso? Lì poteva farsi male qualcuno. Eppure, mi hanno attaccato».

Ma stiamo scherzando? Ci vuole far credere che la mafia lo voglia morto? Anche se è stato messo li proprio dalla mafia? Anche se dopo l'indulto dovrebbero baciare dove cammina? Anche se nel caso venisse fatto fuori c'è il rischio (improbabile) che al suo posto venga messo un ministro vero?

JP ha detto...

No, il ministero della Giustizia è troppo serio perchè venga messo un ministro competente.

Arridatece Castelli.

Anonimo ha detto...

speriamo che un giorno se ne sbarazzino...............

Anonimo ha detto...

Beh oddio arridatece castelli magari no...

Anonimo ha detto...

Si potrebbe descrivere solo con una parola:
Mastella mafioso

Cesc ha detto...

No oddio..Castelli no..va bene tutto..la situazione è drammatica..ma non esageriamo..

N.P. ha detto...

Mi sento personalmente chiamato in causa quando si parla della vicenda di Alfonso Stramandino, che non è un personaggio dei Promessi Sposi, ma è l'uomo che ha sciolto gli ormeggi dello yacht su cui presenziava Mastella. Invito gionuein a porsi questa domanda:-Che razza di misure di sicurezza potevano mai esserci, se un pescatore, da solo, ha potuto liberamente avvicinarsi alla nave e sciogliere i nodi?! Da ciò si deduce che le misure di sicurezza non c'erano. Quindi il pericolo non c'era. Rimane una domanda. Perchè quella nave era ormeggiata dove ciò non è permesso?(ecco il motivo per cui il pescatore era adirato e non, come dice clEMENTE, per altri motivi)?! La risposta è la stessa per cui domenica è andato a vedere la Formula 1 a nostre spese!

Anonimo ha detto...

Castelli!
Dio ce ne scampi e (soprattutto) liberi.

Anonimo ha detto...

L' UNICO CHE POTEVA PRESIEDERE AL MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DOVEVA ESSERE DI PIETRO.
MA QUESTO POTEVA ACCADERE SOLTANTO IN UN PAESE " NORMALE".
SE NON ALTRO PER QUELLO CHE FECE NEL PERIODO DI TANGENTOPOLI.
SUL SOGGETTO DI QUESTO BLOG, OGNI COMMENTO E' SUPERFLUO.

Anonimo ha detto...

La prossima volta che clEMENTE Mastella decide di portare a spasso la sua prole guasta a spese dei cittadini, gli auguro di sorvolare la Saratoga.

Mich@el ha detto...

Parole sante, la famiglia innanzi tutto!!!
Quale prezzo può avere anche la sua sicurezza, viaggiare in auto con tutti i matti e gli incidenti che ci sono in giro????
L'istinto di sopravvivenza è davvero una gran cosa....

VAI CLEMENTE VAI!!!!

A FARE IN.....PERO'!!!

Chinaski63 ha detto...

Mastella tieni duro.E' tutta invidia.Usa l' aereo presidenziale e la barca di 30 metri per andare al mare.Se hai bisogno di un bidè....non ti fare scrupoli usa la fontana di Trevi.Noi siamo con te,Clementino.E se devi fare i tuoi bisogni usa pure la tomba di Vespasiano.
RICORDA NOI SIAMO CON TE.
Un bacio sulla coppola......
China

Anonimo ha detto...

Ormai il livello infimo raggiunto dalla politica italiana è evidente per tutti. Tutti i politici, dal primo all'ultimo, da destra a sinistra, passando per il centro (se esiste), dovrebbero essere soggetti di blog come questo. E menomale che il parlamento dovrebbe essere lo specchio del popolo... Povera Italia!
Vergogna!!!

Gionuein ha detto...

Il gatto che si morde la coda. Questa è in pratica la difesa di clEMENTE:
Ho bisogno di viaggiare in aereo e di portarmi dietro la scorta per difendermi dai cittadini che sono incazzati con me perchè sono un politico disgustoso che abusa della sua posizione approfittando di tutti i privilegi di cui posso godere, la scorta, l'aereo privato, le auto blu, le palazzine in centro a prezzi stracciati...
D.E.C.A.P.I.T.I.A.M.O.L.O.

Anonimo ha detto...

Ma come fa ad avere tanti nemici se con l'indulto ne ha mandati fuori oltre 20.000? e' il più amato tra i delinquenti....

Gionuein ha detto...

Si ma sono quelli onesti come me che sono invogliati a commettere per la prima volta un crimine e fare un favore alla nazione ammazzandolo di botte.

fasterbit ha detto...

«Dimettersi? Ma non ci pensate proprio... siamo cattolici, credenti e praticanti. Sappiamo soffrire quando c’è da soffrire. Vogliono fargli saltare i nervi ma è un uomo con le spalle larghe. E sereno».
Sandra Lonardo Mastella, a proposito del marito Clamente

Insomma, dobbiamo soffrire.