martedì 11 settembre 2007

clEMENTE XV: habemus Papam!

BENIGNI, PIETA', L'INDULTO E GRILLO

"Prima della nascita di Gesù il sentimento della pietà non esisteva. Probabilmente c'era, nei singoli uomini, ma non esisteva, intendo dire, come sentimento pubblico. Riconosciuto. La pietà arriva dunque con Gesù. Il giorno che tre militari romani stavano picchiando un poveraccio per strada Gesù fermò il centurione che si accaniva e gli disse:Fermati!Che cosa fai? E quello gli rispose- "ma che ti frega di questo disgraziato...questo è..l'ultimo". "No-rispose Gesù- l'ultimo sei tu!Questo è il primo!".
Comincia così a farsi strada pubblicamente il sentimento della pietà. Prima non c'era. E' una cosa importante, che ci tiene uniti, che ci fa più forti, che ci distingue dalle bestie. E anche oggi, dove il mondo è diviso tra chi fa del bene e chi fa del male, anche oggi che non si fa neanche caso alla cattiveria, al menefreghismo, alla possibilità che ci sia un "cattivo" in più, perchè che cosa vuoi che sia un cattivo in più? (e invece no anche un solo cattivo in più fa differenza...ricordatelo sempre), anche oggi dicevo...la pietà è un sentimento importante. Ecco, lo dico seriamente, è un discorso serio insomma quello che sto facendo, e non l'ho ancora detto finora ma ringrazio anche Mastella, per essere riuscito, insieme a questo Parlamento, a portare fino in fondo il provvedimento dell'indulto. Portando avanti un discorso di pietà che rende una società più giusta e più forte".
Ho voluto riportare qui, per quello che ricordo, uno dei passaggi incredibili del discorso di Roberto Benigni nello spettacolo che porta in giro per l'Italia e che ha fatto a Telese. Un comico sì. Anche lui un comico. Ma certo molto più che un comico. Un artista che rappresenta l'orgoglio italiano in tutto il mondo. E riconosciuto come tale ovunque egli vada. Certamente non si è limitato a ringraziarmi per il sentimento di pietà dell'indulto. E due o tre botte pesanti me le ha regalate, tra le risate del pubblico. Ma è uno che ha capito. E ha un livello culturale e politico, oltre che artistico, inarrivabile quasi. Ora c'è anche chi non la pensa come lui. E' comprensibile. Beppe Grillo ad esempio. Mi accusa di ciò di cui mi ringrazia Benigni. In maniera gretta, meschina. Con campagne populiste che ignorano ogni aspetto costituzionale. E non sa, o finge di non sapere ancor più grave, che il provvedimento è stato votato, come deve essere, da due terzi del Parlamento. Che non sa, o finge di non sapere ancor più grave, che non è l'indulto che fa delinquere un delinquente. Che non sa, ma è bene che sappia, che lo sciacallaggio qualunquista delle sue invettive non mi tange. Mi sfiora sì. Ma è un vento che lo porta, in pratica, a stare dalla parte di chi ha approvato la crocifissione di Gesù. Io sto dall'altra parte.



clEMENTE questa volta cita niente popò di meno che le Sacre Scritture per nobilitare le origini del suo indulto. clEMENTE XV, dunque, non trovando nessuna argomentazione razionale che spieghi il suo benedetto provvedimento, ci prova con verità ultraterrene. Il risultato è patetico. Tanto più che la pietà cristiana, citata da Mastella, tocca anche gli assassini, ("nessuno tocchi Caino!" è la famosa frase pronunciata da Gesù) e quindi, in base a questa assurda spiegazione, l'indulto avrebbe dovuto liberare anche i rei maggiori. In ogni caso, lungi da me il voler impartire lezioni di Catechismo al neo successore di Pietro. Ovviamente, le vere cause dell'indulto stanno da un'altra parte. Ma per rimanere in tema religioso vorrei pregare clEMENTE affinchè trovi un po' di consolazione. Infatti, se Sua Santità riuscisse a dimostrare che anche un solo fuorilegge si è convertito grazie al suo provvedimento, allora, avrà fatto una cosa buona e giusta e la sua anima sarà salva. Al contrario, se non vi riuscirà, sarà punito atrocemente come lo furono un tempo gli abitanti di Sodoma e Gomorra. Già, esiste anche il Dio che punisce, ma forse il ministro della GIUSTIZIA si è dimenticato dell'Antico Testamento. Amen.

13 commenti:

SPO the blogmaster ha detto...

Grillo razzola da cani? 300.000 firme in un giorno a me sembrano abbastanza per smentirti!

Matteo ha detto...

Questo blog è interessante ma rischia di perdersi nel mare magno dei detrattori di Mastella. Inoltre i contenuti possono essere considerati "offensivi" o tacciati di facile "populismo" sia da Mastella che dal visitatore occasionale. Si sa come funzionano queste cose.

La mia idea sarebbe invece quella di creare un blog parallelo, copiando pedissequamente i post del Mastellone ma lasciando il commento libero... ed invitando ovviamente lo stesso Mastella a rispondere.
Finché lui si modera il suo blog può scegliere a cosa rispondere e cosa ignorare, ma così... credo che non potrebbe far finta di nulla.
E il tutto nella più amplia neutralità.
Secondo voi si va incontro a rogne?

SPO the blogmaster ha detto...

Ciao matteo, grazie per l'intervento. Spero che anche gli altri lettori seguano il tuo esempio. Riguardo ai contenuti, ci tengo a precisare che cerchiamo e cercheremo di ridurre al minimo le offese personali e gratuite (per ora l'unica è nel titolo). Correggimi se sbaglio, ma non penso che nei post ci siano contenuti che possano essere considerati "insulti" o calunnie. Io li vedo come opinioni personali, condivisibili e non, condite da una buona dose di sarcasmo, questo si.
La tua idea, a dire la verità, è molto simile a quella che guida questo blog: infatti i nostri post non sono altro che dei commenti ai "paralleli" che appaiono sul sito di Mastella. Abbiamo optato per questa strada per non limitare la nostra attività ad un asettico "copia-incolla"...chi vuole leggere l'originale può cliccare sul link, che non manca mai, all'interno del post. E' davvero interessante la tua idea di far confluire nel nostro spazio tutti quei commenti che sul blog di Mastella di spazio non ne trovano, ma per fare questo bisogna attirare i suoi lettori. C
ome fare? Senza spammare, si intende. Aspettiamo nuove critiche, apprezzamenti o idee...ciao e grazie di nuovo!

Anonimo ha detto...

cLEMENTE non risponderà mai ad alcuna blasfema castroneria scritta dalle dita tozze di questi spinellomani. che sia ben chiaro. su questo non transigerà.
cLEMENTE ci tiene ad informare matteo che non possiede alcun detrattore, nè tanto meno è intenzionato a mangiare il mare. e questo per due motivazioni cristalline:
il mare è liquido
preferisce le pietanze dolciastre


Clemente Mastella

N.P. ha detto...

Dal mio punto di vista, in qualche contesto, Grillo manca di coerenza tra pensiero e azione. Le sue imbaraczioni inquinanti e la sua passione per la carne contrastano con le sue tesi ecologiste e animaliste, per esempio. Ora, tutti noi molto spesso cadiamo nello stesso errore ma non siamo personaggi pubblici impegnati nel sociale. Nonostante ciò io non lo demonizzo. Semplicemnte diffido...


P.S. Poichè condivido l'analisi di SPO riguardo a questo blog, vorrei aggiungere che lo stile sarcastico e NON OFFENSIVO dello stesso può, per certi versi, smussare il sentimento dell'antipolitica presente soprattuto fra noi giovani e risultare quindi utile al progetto.

Cesc ha detto...

In che contesto??non può mangiare carne o andarsi a fare un giro in barca se ne ha voglia??e per quale motivo??mi sembrano attacchi inutili e strumentali. Le sue idee mi sembrano in gran parte condivisibili, a prescindere dalla sua vita privata ,che ignoro, e credo sia quello l'importante

Anonimo ha detto...

cLEMENTE vorrebbe far notare a tutti che n.p. ha dimenticato la parte più importante...Grillo parla dei messaggi subliminali pornografici nei film disney eppure i più anziani possono ricordare che egli aveva una parte nel film d'animazione "Pinocchio"!
cLEMENTE vuole sottolinea la grande contraddizione che c'è in Beppe.

Clemente Mastella

N.P. ha detto...

cesc nn ti chiedo di condividere la mia visione della cosa, quantomeno di rispettarla. Io ritengo che la coerenza sia una virtù e, se una persona è coerente, non solo è più credibile ma può fungere da esempio per gli altri. Tu, probabilmente, guardi meno al personaggio e più a ciò che dice. In ogni caso le mie argomentazioni non mi sembrano cosi fuori dal mondo.

Matteo ha detto...

Per il webmaster: non penso affatto che i contenuti siano offensivi (con Mastella poi è difficile trattenersi!) ma si sa quali sono i meccanismi della dialettica politica.
E' facile parlare di blog "partigiano", "iniquo", "offensivo" solo per evitare il confronto.
Presentare una copia pari-pari del blog Ceppalonico senza altro "valore aggiunto" (ma a commento libero) non darebbe spazio ad alcun dubbio sulla neutralità, e quindi sull'oggettività e la buona fede, dei contenuti.
L'unica perplessità sarebbe sulla liceità dell'operazione: si sa che le code di paglia prendono fuoco subito e queste persone hanno, ahimè, il coltellod alla parte del manico: se devono romperti i coglioni lo fanno con tanti saluti alla democrazia.

SPO the blogmaster ha detto...

ciao matteo, ho capito il tuo punto di vista. I nostri post li scriviamo semplicemente per il fatto che ci piace farlo. Comunque la tua idea è buona, perchè non apri un tuo blog? Potremmo collaborare unendo le forze. Che ne dici?

goldmember ha detto...

"....nè tantomeno con Grillo, il quale predica bene ma razzola da cani"

ciao, mi piace l'idea di questo blog e di altri che vanno nella stessa direzione.

Però, mi spieghi il perchè grillo razzolerebbe da cani?
ciao

N.P. ha detto...

ciao goldmember, grazie al tuo intervento chiarisco una volta per tutte questa questione. In effetti, l'espressione "razzola da cani" è forse eccessiva. Volevo, per cosi dire, trovare un espressione che rendesse l'idea rimanendo in ambito zoologico (grillo, cani). Premetto. Non demonizzo Grillo e nemmeno lo santifico. A mio parere, in alcuni contesti come quello ecologista, manca di coerenza. Promuove le auto a idrogeno ma ne possiede una altamente inquinante. Ora, non per questo motivo ciò che dice, da giusto, diventa sbagliato, sia chiaro, ma tu capisci che per uno che lo ascolta, la coerenza nonchè l'esempio contano abbastanza. Poi, in altri casi si è dimostrato coerente, per carità. Dico solo di non esaltarlo oltremisura perchè, in quanto uomo, ha anche lui i suoi difetti.
Mi sono spiegato??

SPO the blogmaster ha detto...

grazie per il chiarimento, alla fine le nostre posizioni non sono poi cosi distanti. E' sbagliato mitizzare, Grillo come è sbagliato mitizzare qualsiasi altra persona e appiattirsi sulla sua posizione...quindi ben vengano critiche anche a beppe quando se le merita